Footer menù

Parafrasi canto 27 (XXVII) del Paradiso di Dante

e chi, da bambino, ama e dà ascolto alla propria madre,
non appena impara a parlare (quando diventa uomo),
la odia a tal punto che desidera la sua morte.

Cosí la pelle naturalmente bianca dell’uomo si scurisce,
diventando da bianca a nera, quando viene esposta
ai raggi del sole, che se ne va la sera e compare la mattina.

Tu, per non rimanere stupito,
pensa che sulla Terra non esiste una guida sicura;
per cui l’intera umanità non procede verso il bene.

Ma prima che Gennaio giunga nella primavera, per effetto di
quelle frazioni del giorno trascurate nel calcolo del tempo,
i cieli irradieranno sulla Terra influssi tali che

la sorte produrrà gli effetti tanto attesi,
girando le poppe delle navi dove ora stanno le prue,
così che l’umanità procederà nella giusta rotta;

e alle buone intenzioni (fiori) seguiranno i buoni fatti (frutti).

 < Parafrasi Canto 26Parafrasi Canto 28 >
Comments are closed.
contatore accessi web