Footer menù

Testo del canto 24 (XXIV) del poema Orlando Furioso

10
Fece morir diece persone e diece,
che senza ordine alcun gli andaro in mano:
e questo chiaro esperimento fece,
ch’era assai più sicur starne lontano.
Trar sangue da quel corpo a nessun lece,
che lo fere e percuote il ferro invano.
Al conte il re del ciel tal grazia diede,
per porlo a guardia di sua santa fede.

11
Era a periglio di morire Orlando,
se fosse di morir stato capace.
Potea imparar ch’era a gittare il brando,
e poi voler senz’arme essere audace.
La turba già s’andava ritirando,
vedendo ogni suo colpo uscir fallace.
Orlando, poi che più nessun l’attende,
verso un borgo di case il camin prende.

12
Dentro non vi trovò piccol né grande,
che ‘l borgo ognun per tema avea lasciato.
v’erano in copia povere vivande,
convenienti a un pastorale stato.
Senza pane di scerner da le giande,
dal digiuno e da l’impeto cacciato,
le mani e il dente lasciò andar di botto
in quel che trovò prima, o crudo o cotto.

13
E quindi errando per tutto il paese,
dava la caccia e agli uomini e alle fere;
e scorrendo pei boschi, talor prese
i capri isnelli e le damme leggiere.
Spesso con orsi e con cingiai contese,
e con man nude li pose a giacere:
e di lor carne con tutta la spoglia
più volte il ventre empì con fiera voglia.

14
Di qua, di là, di su, di giù discorre
per tutta Francia; e un giorno a un ponte arriva,
sotto cui largo e pieno d’acqua corre
un fiume d’alta e di scoscesa riva.
Edificato accanto avea una torre
che d’ogn’intorno e di lontan scopriva.
Quel che fe’ quivi, avete altrove a udire;
che di Zerbin mi convien prima dire.

15
Zerbin, da poi ch’Orlando fu partito,
dimorò alquanto, e poi prese il sentiero
che ‘l paladino inanzi gli avea trito,
e mosse a passo lento il suo destriero.
Non credo che duo miglia anco fosse ito,
che trar vide legato un cavalliero
sopra un picciol ronzino, e d’ogni lato
la guardia aver d’un cavalliero armato.

16
Zerbin questo prigion conobbe tosto
che gli fu appresso, e così fe’ lssabella:
era Odorico il Biscaglin, che posto
fu come lupo a guardia de l’agnella.
L’avea a tutti gli amici suoi preposto
Zerbino in confidargli la donzella,
sperando che la fede che nel resto
sempre avea avuta, avesse ancora in questo.

17
Come era a punto quella cosa stata,
venìa Issabella raccontando allotta:
come nel palischermo fu salvata,
prima ch’avesse il mar la nave rotta;
la forza che l’avea Odorico usata;
e come tratta poi fosse alla grotta.
Né giunt’era anco al fin di quel sermone,
che trarre il malfattor vider prigione.

18
I duo ch’in mezzo avean preso Odorico,
d’Issabella notizia ebbeno vera;
e s’avisaro esser di lei l’amico,
e ‘l signor lor, colui ch’appresso l’era;
ma più, che ne lo scudo il segno antico
vider dipinto di sua stirpe altiera:
e trovar poi, che guardar meglio al viso,
che s’era al vero apposto il loro aviso.

19
Saltaro a piedi, e con aperte braccia
correndo se n’andar verso Zerbino,
e l’abbracciaro ove il maggior s’abbraccia,
col capo nudo e col ginocchio chino.
Zerbin, guardando l’uno e l’altro in faccia,
vide esser l’un Corebo il Biscaglino,
Almonio l’altro, ch’egli avea mandati
con Odorico in sul navilio armati.

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web