Footer menù

Parafrasi canto 26 (XXVI) del Purgatorio di Dante

Lui cominciò a parlare senza esitazione:
“Tanto mi fa piacere la vostra cortese domanda,
che non posso ora e nemmeno voglio nascondere la mia identità a voi.

Io, che piango e vado cantando, sono Arnaut;
ricordo con tristezza la mia passata follia,
e vedo anche felice la gioia che spero ottenere, davanti a me.

Ora vi prego, in nome di quel valore
che vi guida fino alla cima della scalinata,
ricordatevi a tempo debito del mio dolore!”

Dette queste parole si nascose nuovamente nel fuoco purificatore.

 < Parafrasi Canto 25 Parafrasi Canto 27 >

2 Responses to Parafrasi canto 26 (XXVI) del Purgatorio di Dante

  1. Angelo Borsotti Maggio 18, 2015 at 2:58 pm #

    Buongiorno, questa pagina http://www.orlandofurioso.com/divina-commedia/purgatorio/parafrasi-del-purgatorio/681/parafrasi-canto-26-xxvi-del-purgatorio-di-dante/ contiene un link errato ad un canto del paradiso anziché ad uno del purgatorio.

    • OrlandoFurioso Giugno 6, 2015 at 12:56 pm #

      Corretto! Grazie per la segnalazione 😉

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web