Footer menù

Testo del canto 41 (XLI) del poema Orlando Furioso

70
Percosse egli il destrier di minor forza,
ch’Orlando avea, d’un urto così strano,
che lo fece piegare a poggia e ad orza,
e poi cader, quanto era lungo, al piano.
Orlando di levarlo si risforza
tre volte e quattro, e con sproni e con mano;
e quando al fin nol può levar, ne scende,
lo scudo imbraccia, e Balisarda prende.

71
Scontrossi col re d’Africa Oliviero;
e fur di quello incontro a paro a paro.
Brandimarte restar senza destriero
fece Sobrin: ma non si seppe chiaro
se v’ebbe il destrier colpa o il cavalliero;
ch’avezzo era cader Sobrin di raro.
O del destriero o suo pur fosse il fallo,
Sobrin si ritrovò giù del cavallo.

72
Or Brandimarte che vide per terra
il re Sobrin, non l’assalì altrimente,
ma contra il re Gradasso si disserra,
ch’avea abbattuto Orlando parimente.
Tra il marchese e Agramante andò la guerra
come fu cominciata primamente:
poi che si roppon l’aste negli scudi,
s’eran tornati incontra a stocchi ignudi.

73
Orlando, che Gradasso in atto vede,
che par ch’a lui tornar poco gli caglia;
né tornar Brandimarte gli concede,
tanto lo stringe e tanto lo travaglia;
si volge intorno, e similmente a piede
vede Sobrin che sta senza battaglia.
Vêr lui s’aventa; e al muover de le piante
fa il ciel tremar del suo fiero sembiante.

74
Sobrin che di tanto uom vede l’assalto,
stretto ne l’arme s’apparecchia tutto:
come nocchiero a cui vegna a gran salto
muggendo incontra il minaccioso flutto,
drizza la prora; e quando il mar tant’alto
vede salire, esser vorria all’asciutto.
Sobrin lo scudo oppone alla ruina
che da la spada vien di Falerina.

75
Di tal finezza è quella Balisarda,
che l’arme le puon far poco riparo;
in man poi di persona sì gagliarda,
in man d’Orlando, unico al mondo o raro,
taglia lo scudo; e nulla la ritarda,
perché cerchiato sia tutto d’acciaro:
taglia lo scudo e sino al fondo fende,
e sotto a quello in su la spalla scende.

76
Scende alla spalla; e perché la ritrovi
di doppia lama e di maglia coperta,
non vuol però che molto ella le giovi,
che di gran piaga non la lasci aperta.
Mena Sobrin; ma indarno è che si provi
ferire Orlando, a cui per grazia certa
diede il Motor del cielo e de le stelle,
che mai forar non se gli può la pelle.

77
Radoppia il colpo il valoroso conte,
e pensa da le spalle il capo torgli.
Sobrin che sa il valor di Chiaramonte,
e che poco gli val lo scudo opporgli,
s’arretra, ma non tanto, che la fronte
non venisse anco Balisarda a corgli.
Di piatto fu, ma il colpo tanto fello,
ch’amaccò l’elmo, e gl’intronò il cervello.

78
Cadde Sobrin del fiero colpo in terra,
onde a gran pezzo poi non è risorto.
Crede finita aver con lui la guerra
il paladino, e che si giaccia morto;
e verso il re Gradasso si disserra,
che Brandimarte non meni a mal porto:
che ‘l pagan d’arme e di spada l’avanza
e di destriero, e forse di possanza.

79
L’ardito Brandimarte in su Frontino,
quel buon destrier che di Ruggier fu dianzi,
si porta così ben col Saracino,
che non par già che quel troppo l’avanzi:
e s’egli avesse osbergo così fino
come il pagan, gli staria meglio inanzi;
ma gli convien (che mal si sente armato)
spesso dar luogo or d’uno or d’altro lato.

Comments are closed.
contatore accessi web