Footer menù

Testo del canto 41 (XLI) del poema Orlando Furioso

100
Padre del ciel, dà fra gli eletti tuoi
spiriti luogo al martir tuo fedele,
che giunto al fin de’ tempestosi suoi
viaggi, in porto ormai lega le vele.
Ah Durindana, dunque esser tu puoi
al tuo signore Orlando sì crudele,
che la più grata compagnia e più fida
ch’egli abbia al mondo, inanzi tu gli uccida?

101
Di ferro un cerchio grosso era duo dita
intorno all’elmo, e fu tagliato e rotto
dal gravissimo colpo, e fu partita
la cuffia de l’acciar ch’era di sotto.
Brandimarte con faccia sbigottita
giù del destrier si riversciò di botto;
e fuor del capo fe’ con larga vena
correr di sangue un fiume in su l’arena.

102
Il conte si risente, e gli occhi gira,
ed ha il suo Brandimarte in terra scorto;
e sopra in atto il Serican gli mira,
che ben conoscer può che glie l’ha morto.
Non so se in lui poté più il duolo o l’ira;
ma da piangere il tempo avea sì corto,
che restò il duolo, e l’ira uscì più in fretta.
Ma tempo è ormai che fine al canto io metta.

Comments are closed.
contatore accessi web