Footer menù

Testo del canto 36 (XXXVI) del poema Orlando Furioso

70
Ruggiero incominciò, che da’ Troiani
per la linea d’Ettorre erano scesi;
che poi che Astianatte de le mani
campò d’Ulisse e da li aguati tesi,
avendo un de’ fanciulli coetani
per lui lasciato, uscì di quei paesi;
e dopo un lungo errar per la marina,
venne in Sicilia e dominò Messina.

71
– I descendenti suoi di qua dal Faro
signoreggiar de la Calabria parte;
e dopo più successioni andaro
ad abitar ne la città di Marte.
Più d’uno imperatore e re preclaro
fu di quel sangue in Roma e in altra parte,
cominciando a Costante e a Costantino,
sino a re Carlo figlio de Pipino.

72
Fu Ruggier primo e Gianbaron di questi,
Buovo, Rambaldo, al fin Ruggier secondo,
che fe’, come d’Atlante udir potesti,
di nostra madre l’utero fecondo.
De la progenie nostra i chiari gesti
per l’istorie vedrai celebri al mondo. –
Seguì poi, come venne il re Agolante
con Almonte e col padre d’Agramante;

73
e come menò seco una donzella
ch’era sua figlia, tanto valorosa,
che molti paladin gittò di sella;
e di Ruggiero al fin venne amorosa,
e per suo amor del padre fu ribella,
e battezzossi, e diventògli sposa.
Narrò come Beltramo traditore
per la cognata arse d’incesto amore;

74
e che la patria e ‘l padre e duo fratelli
tradì, così sperando acquistar lei;
aperse Risa agli nimici, e quelli
fer di lor tutti i portamenti rei;
come Agolante e i figli iniqui e felli
poser Galaciella, che di sei
mesi era grave, in mar senza governo,
quando fu tempestoso al maggior verno.

75
Stava Marfisa con serena fronte
fisa al parlar che ‘l suo german facea:
ed esser scesa da la bella fonte
ch’avea sì chiari rivi, si godea.
Quindi Mongrana e quindi Chiaramonte
le due progenie derivar sapea,
ch’al mondo fu molti e molt’anni e lustri
splendide, e senza par d’uomini illustri.

76
Poi che ‘l fratello al fin le venne a dire
che ‘l padre d’Agramante e l’avo e ‘l zio
Ruggiero a tradigion feron morire,
e posero la moglie a caso rio;
non lo poté più la sorella udire,
che lo ‘nterroppe, e disse: – Fratel mio
(salva tua grazia), avuto hai troppo torto
a non ti vendicar del padre morto.

77
Se in Almonte e in Troian non ti potevi
insanguinar, ch’erano morti inante,
dei figli vendicar tu ti dovevi.
Perché, vivendo tu, vive Agramante?
Questa è una macchia che mai non ti levi
dal viso; poi che dopo offese tante
non pur posto non hai questo re a morte,
ma vivi al soldo suo ne la sua corte.

78
Io fo ben voto a Dio (ch’adorar voglio
Cristo Dio vero, ch’adorò mio padre)
che di questa armatura non mi spoglio,
fin che Ruggier non vendico e mia madre.
E vo’ dolermi, e fin ora mi doglio,
di te, se più ti veggo fra le squadre
del re Agramante o d’altro signor Moro,
se non col ferro in man per danno loro. –

79
Oh come a quel parlar leva la faccia
la bella Bradamante, e ne gioisce!
E conforta Ruggier che così faccia
come Marfisa sua ben l’ammonisce;
e venga a Carlo, e conoscer si faccia,
che tanto onora, lauda e riverisce
del suo padre Ruggier la chiara fama,
ch’ancor guerrier senza alcun par lo chiama.

Comments are closed.
contatore accessi web