Footer menù

Testo del canto 36 (XXXVI) del poema Orlando Furioso

50
Quando pur vede che ‘l pregar non vale,
di partirle per forza si dispone:
leva di mano ad amendua il pugnale,
ed al piè d’un cipresso li ripone.
Poi che ferro non han più da far male,
con prieghi e con minaccie s’interpone:
ma tutto è invan; che la battaglia fanno
a pugni e a calci, poi ch’altro non hanno.

51
Ruggier non cessa: or l’una or l’altra prende
per le man, per le braccia, e la ritira;
e tanto fa, che di Marfisa accende
contra di sé, quanto si può più, l’ira.
Quella che tutto il mondo vilipende,
alla amicizia di Ruggier non mira.
Poi che da Bradamante si distacca,
corre alla spada, e con Ruggier s’attacca.

52
– Tu fai da discortese e da villano,
Ruggiero, a disturbar la pugna altrui;
ma ti farò pentir con questa mano
che vo’ che basti a vincervi ambedui.
Cerca Ruggier con parlar molto umano
Marfisa mitigar; ma contra lui
la trova in modo disdegnosa e fiera,
ch’un perder tempo ogni parlar seco era.

53
All’ultimo Ruggier la spada trasse,
poi che l’ira anco lui fe’ rubicondo.
Non credo che spettacolo mirasse
Atene o Roma o luogo altro del mondo,
che così a’ riguardanti dilettasse,
come dilettò questo e fu giocondo
alla gelosa Bradamante, quando
questo le pose ogni sospetto in bando.

54
La sua spada avea tolta ella di terra,
e tratta s’era a riguardar da parte;
e le parea veder che ‘l dio di guerra
fosse Ruggiero alla possanza e all’arte.
Una furia infernal quando si sferra
sembra Marfisa, se quel sembra Marte.
Vero è ch’un pezzo il giovene gagliardo
di non far il potere ebbe riguardo.

55
Sapea ben la virtù de la sua spada;
che tante esperienze n’ha già fatto.
Ove giunge, convien che se ne vada
l’incanto, o nulla giovi, e stia di piatto:
sì che ritien che ‘l colpo suo non cada
di taglio o punta, ma sempre di piatto.
Ebbe a questo Ruggier lunga avvertenza:
ma perdé pure un tratto la pazienza;

56
perché Marfisa una percossa orrenda
gli mena per dividergli la testa.
Leva lo scudo che ‘l capo difenda
Ruggiero, e ‘l colpo in su l’aquila pesta.
Vieta lo ‘ncanto che lo spezzi o fenda;
ma di stordir non però il braccio resta:
e s’avea altr’arme che quelle d’Ettorre,
gli potea il fiero colpo il braccio torre:

57
e saria sceso indi alla testa, dove
disegnò di ferir l’aspra donzella.
Ruggiero il braccio manco a pena muove,
a pena più sostien l’aquila bella.
Per questo ogni pietà da sé rimuove;
par che negli occhi avampi una facella:
e quanto può cacciar, caccia una punta.
Marfisa, mal per te, se n’eri giunta!

58
Io non vi so ben dir come si fosse:
la spada andò a ferire in un cipresso,
e un palmo e più ne l’arbore cacciosse:
in modo era piantato il luogo spesso.
In quel momento il monte e il piano scosse
un gran tremuoto; e si sentì con esso
da quell’avel ch’in mezzo il bosco siede,
gran voce uscir, ch’ogni mortale eccede.

59
Grida la voce orribile: – Non sia
lite tra voi: gli è ingiusto ed inumano
ch’alla sorella il fratel morte dia,
o la sorella uccida il suo germano.
Tu, mio Ruggiero, e tu, Marfisa mia,
credete al mio parlar che non è vano:
in un medesimo utero d’un seme
foste concetti, e usciste al mondo insieme.

Comments are closed.
contatore accessi web