Footer menù

Testo del canto 36 (XXXVI) del poema Orlando Furioso

40
Come ai meridional tiepidi venti,
che spirano dal mare il fiato caldo,
le nievi si disciolveno e i torrenti,
e il ghiaccio che pur dianzi era sì saldo;
così a quei prieghi, a quei brevi lamenti
il cor de la sorella di Rinaldo
subito ritornò pietoso e molle,
che l’ira, più che marmo, indurar volle.

41
Non vuol dargli, o non puote, altra risposta;
ma da traverso sprona Rabicano,
e quanto può dagli altri si discosta,
ed a Ruggiero accenna con la mano.
Fuor de la moltitudine in reposta
valle si trasse, ov’era un piccol piano
ch’in mezzo avea un boschetto di cipressi
che parean d’una stampa, tutti impressi.

42
In quel boschetto era di bianchi marmi
fatta di nuovo un’alta sepoltura.
Chi dentro giaccia, era con brevi carmi
notato a chi saperlo avesse cura.
Ma quivi giunta Bradamante, parmi
che gia non pose mente alla scrittura.
Ruggier dietro il cavallo affretta e punge
tanto, ch’al bosco e alla donzella giunge.

43
Ma ritorniamo a Marfisa che s’era
in questo mezzo in sul destrier rimessa,
e venìa per trovar quella guerriera
che l’avea al primo scontro in terra messa:
e la vide partir fuor de la schiera,
e partir Ruggier vide e seguir essa;
né si pensò che per amor seguisse,
ma per finir con l’arme ingiurie e risse.

44
Urta il cavallo, e vien dietro alla pesta
tanto, ch’a un tempo con lor quasi arriva.
Quanto sua giunta ad ambi sia molesta,
chi vive amando, il sa, senza ch’io ‘l scriva.
Ma Bradamante offesa più ne resta,
che colei vede, onde il suo mal deriva.
Chi le può tor che non creda esser vero
che l’amor ve la sproni di Ruggiero?

45
E perfido Ruggier di nuovo chiama.
– Non ti bastava, perfido (disse ella),
che tua perfidia sapessi per fama,
se non mi facevi anco veder quella?
Di cacciarmi da te veggo c’hai brama:
e per sbramar tua voglia iniqua e fella,
io vo’ morir; ma sforzerommi ancora
che muora meco chi è cagion ch’io mora. –

46
Sdegnosa più che vipera, si spicca,
così dicendo, e va contra Marfisa;
ed allo scudo l’asta sì le appicca,
che la fa a dietro riversare in guisa,
che quasi mezzo l’elmo in terra ficca;
né si può dir che sia colta improvisa:
anzi fa incontra ciò che far si puote;
e pure in terra del capo percuote.

47
La figliuola d’Amon, che vuol morire
o dar morte a Marfisa, è in tanta rabbia,
che non ha mente di nuovo a ferire
con l’asta, onde a gittar di nuovo l’abbia;
ma le pensa dal busto dipartire
il capo mezzo fitto ne la sabbia:
getta da sé la lancia d’oro, e prende
la spada, e del destrier subito scende.

48
Ma tarda è la sua giunta; che si trova
Marfisa incontra, e di tanta ira piena
(poi che s’ha vista alla seconda prova
cader sì facilmente su l’arena),
che pregar nulla, e nulla gridar giova
a Ruggier che di questo avea gran pena:
sì l’odio e l’ira le guerriere abbaglia,
che fan da disperate la battaglia.

49
A mezzo spada vengono di botto;
e per la gran superbia che l’ha accese,
van pur inanzi, e si son già sì sotto,
ch’altro non puon che venire alle prese.
Le spade, il cui bisogno era interrotto,
lascian cadere, e cercan nuove offese.
Priega Ruggiero e supplica amendue,
ma poco frutto han le parole sue.

Comments are closed.
contatore accessi web