Footer menù

Testo del canto 34 (XXXIV) del poema Orlando Furioso

20
Alceste, il cavallier di ch’io ti parlo
(che così nome avea), poi che si vede
repulso da chi più gratificarlo
era più debitor, commiato chiede;
e lo minaccia, nel partir, di farlo
pentir che la figliuola non gli diede.
Se n’andò al re d’Armenia, emulo antico
del re di Lidia e capital nimico;

21
e tanto stimulò, che lo dispose
a pigliar l’arme e far guerra a mio padre.
Esso per l’opre sue chiare e famose
fu fatto capitan di quelle squadre.
Pel re d’Armenia tutte l’altre cose
disse ch’acquisteria: sol le leggiadre
e belle membra mie volea per frutto
de l’opra sua, vinto ch’avesse il tutto.

22
Io non ti potre’ esprimere il gran danno
ch’Alceste al padre mio fa in quella guerra.
Quattro eserciti rompe, e in men d’un anno
lo mena a tal, che non gli lascia terra,
fuor ch’un castel ch’alte pendici fanno
fortissimo; e là dentro il re si serra
con la famiglia che più gli era accetta,
e col tesor che trar vi puote in fretta.

23
Quivi assedionne Alceste; ed in non molto
termine a tal disperazion ne trasse,
che per buon patto avria mio padre tolto
che moglie e serva ancor me gli lasciasse
con la metà del regno, s’indi assolto
restar d’ogni altro danno si sperasse.
Vedersi in breve de l’avanzo privo
era ben certo, e poi morir captivo.

24
Tentar, prima ch’accada, si dispone
ogni rimedio che possibil sia;
e me, che d’ogni male era cagione,
fuor de la rocca, ov’era Alceste invia.
Io vo ad Alceste con intenzione
di dargli in preda la persona mia,
e pregar che la parte che vuol tolga
del regno nostro, e l’ira in pace volga.

25
Come ode Alceste ch’io vo a ritrovarlo,
mi viene incontra pallido e tremante:
di vinto e di prigione, a riguardarlo,
più che di vincitore, have sembiante.
Io che conosco ch’arde, non gli parlo
sì come avea già disegnato inante:
vista l’occasion, fo pensier nuovo
conveniente al grado in ch’io lo trovo.

26
A maledir comincio l’amor d’esso,
e di sua crudeltà troppo a dolermi,
ch’iniquamente abbia mio padre oppresso,
e che per forza abbia cercato avermi;
che con più grazia gli saria successo
indi a non molti dì, se tener fermi
saputo avesse i modi cominciati,
ch’al re ed a tutti noi sì furon grati.

27
E se ben da principio il padre mio
gli avea negata la domanda onesta
(però che di natura è un poco rio,
né mai si piega alla prima richiesta),
farsi per ciò di ben servir restio
non doveva egli, e aver l’ira sì presta;
anzi, ognor meglio oprando, tener certo
venire in breve al desiato merto.

28
E quando anco mio padre a lui ritroso
stato fosse, io l’avrei tanto pregato,
ch’avria l’amante mio fatto mio sposo.
Pur, se veduto io l’avessi ostinato,
avrei fatto tal opra di nascoso,
che di me Alceste si saria lodato.
Ma poi ch’a lui tentar parve altro modo,
io di mai non l’amar fisso avea il chiodo.

29
E se ben era a lui venuta, mossa
da la pietà ch’al mio padre portava,
sia certo che non molto fruir possa
il piacer ch’al dispetto mio gli dava;
ch’era per far di me la terra rossa,
tosto ch’io avessi alla sua voglia prava
con questa mia persona satisfatto
di quel che tutto a forza saria fatto.

Comments are closed.
contatore accessi web