Footer menù

Testo del canto 34 (XXXIV) del poema Orlando Furioso

Parafrasi completa del canto XXXIV del poema Orlando Furioso

1
Oh famelice, inique e fiere arpie
ch’all’accecata Italia e d’error piena,
per punir forse antique colpe rie,
in ogni mensa alto giudicio mena!
Innocenti fanciulli e madri pie
cascan di fame, e veggon ch’una cena
di questi mostri rei tutto divora
ciò che del viver lor sostegno fôra.

2
Troppo fallò chi le spelonche aperse,
che già molt’anni erano state chiuse;
onde il fetore e l’ingordigia emerse,
ch’ad ammorbare Italia si diffuse.
Il bel vivere allora si summerse;
e la quiete in tal modo s’escluse,
ch’in guerre, in povertà sempre e in affanni
è dopo stata, ed è per star molt’anni:

3
fin ch’ella un giorno ai neghitosi figli
scuota la chioma, e cacci fuor di Lete,
gridando lor: – Non fia chi rassimigli
alla virtù di Calai e di Zete?
che le mense dal puzzo e dagli artigli
liberi, e torni a lor mondizia liete,
come essi già quelle di Fineo, e dopo
fe’ il paladin quelle del re etiopo. –

4
Il paladin col suono orribil venne
le brutte arpie cacciando in fuga e in rotta,
tanto ch’a piè d’un monte si ritenne,
ove esse erano entrate in una grotta.
L’orecchie attente allo spiraglio tenne,
e l’aria ne sentì percossa e rotta
da pianti e d’urli e da lamento eterno:
segno evidente quivi esser lo ‘nferno.

5
Astolfo si pensò d’entrarvi dentro,
e veder quei c’hanno perduto il giorno,
e penetrar la terra fin al centro,
e le bolge infernal cercare intorno.
– Di che debbo temer (dicea) s’io v’entro,
che mi posso aiutar sempre col corno?
Farò fuggir Plutone e Satanasso,
e ‘l can trifauce leverò dal passo. –

6
De l’alato destrier presto discese,
e lo lasciò legato a un arbuscello:
poi si calò ne l’antro, e prima prese
il corno, avendo ogni sua speme in quello.
Non andò molto inanzi, che gli offese
il naso e gli occhi un fumo oscuro e fello,
più che di pece grave e che di zolfo:
non sta d’andar per questo inanzi Astolfo.

7
Ma quando va più inanzi, più s’ingrossa
il fumo e la caligine, e gli pare
ch’andare inanzi più troppo non possa;
che sarà forza a dietro ritornare.
Ecco, non sa che sia, vede far mossa
da la volta di sopra, come fare
il cadavero appeso al vento suole,
che molti dì sia stato all’acqua e al sole.

8
Sì poco, e quasi nulla era di luce
in quella affumicata e nera strada,
che non comprende e non discerne il duce
chi questo sia che sì per l’aria vada;
e per notizia averne si conduce
a dargli uno o due colpi de la spada.
Stima poi ch’un spirto esser quel debbia;
che gli par di ferir sopra la nebbia.

9
Allor sentì parlar con voce mesta:
– Deh, senza fare altrui danno, giù cala!
Pur troppo il negro fumo mi molesta,
che dal fuoco infernal qui tutto esala. –
Il duca stupefatto allor s’arresta,
e dice all’ombra: – Se Dio tronchi ogni ala
al fumo, sì ch’a te più non ascenda,
non ti dispiaccia che ‘l tuo stato intenda.

Comments are closed.
contatore accessi web