Footer menù

Testo del canto 28 (XXVIII) del poema Orlando Furioso

60
La pietosa fanciulla rispondendo:
– Credi (dicea) che men di te nol bramo;
ma né luogo né tempo ci comprendo
qui, dove in mezzo di tanti occhi siamo. –
Il Greco soggiungea: – Certo mi rendo,
che s’un terzo ami me di quel ch’io t’amo,
in questa notte almen troverai loco
che ci potren godere insieme un poco. –

61
– Come potrò (diceagli la fanciulla),
che sempre in mezzo a duo la notte giaccio?
e meco or l’uno or l’altro si trastulla,
e sempre a l’un di lor mi trovo in braccio? –
– Questo ti fia (suggiunse il Greco) nulla;
che ben ti saprai tor di questo impaccio,
e uscir di mezzo lor, pur che tu voglia:
e déi voler, quando di me ti doglia. –

62
Pensa ella alquanto, e poi dice che vegna
quando creder potrà ch’ognuno dorma;
e pianamente come far convegna,
e de l’andare e del tornar l’informa.
Il Greco, sì come ella gli disegna,
quando sente dormir tutta la torma,
viene all’uscio e lo spinge, e quel gli cede:
entra pian piano, e va a tenton col piede.

63
Fa lunghi i passi, e sempre in quel di dietro
tutto si ferma, e l’altro par che muova
a guisa che di dar tema nel vetro,
non che ‘l terreno abbia a calcar, ma l’uova;
e tien la mano inanzi simil metro,
va brancolando infin che ‘l letto trova:
e di là dove gli altri avean le piante,
tacito si cacciò col capo inante.

64
Fra l’una e l’altra gamba di Fiammetta,
che supina giacea, diritto venne;
e quando le fu a par, l’abbracciò stretta,
e sopra lei sin presso al dì si tenne.
Cavalcò forte, e non andò a staffetta;
che mai bestia mutar non gli convenne:
che questa pare a lui che sì ben trotte,
che scender non ne vuol per tutta notte.

65
Avea Iocondo ed avea il re sentito
il calpestio che sempre il letto scosse;
e l’uno e l’altro, d’uno error schernito,
s’avea creduto che ‘l compagno fosse.
Poi ch’ebbe il Greco il suo camin fornito,
sì come era venuto, anco tornosse.
Saettò il sol da l’orizzonte i raggi;
sorse Fiammetta, e fece entrare i paggi.

66
Il re disse al compagno motteggiando:
– Frate, molto camin fatto aver déi;
e tempo è ben che ti riposi, quando
stato a cavallo tutta notte sei. –
Iocondo a lui rispose di rimando,
e disse: – Tu di’ quel ch’io a dire avrei.
A te tocca posare, e pro ti faccia,
che tutta notte hai cavalcato a caccia. –

67
– Anch’io (suggiunse il re) senza alcun fallo
lasciato avria il mio can correre un tratto,
se m’avessi prestato un po’ il cavallo,
tanto che ‘l mio bisogno avessi fatto. –
Iocondo replicò: – Son tuo vasallo,
e puoi far meco e rompere ogni patto:
sì che non convenia tal cenni usare;
ben mi potevi dir: lasciala stare. –

68
Tanto replica l’un, tanto soggiunge
l’altro, che sono a grave lite insieme.
Vengon da’ motti ad un parlar che punge,
ch’ad amenduo l’esser beffato preme.
Chiaman Fiammetta (che non era lunge,
e de la fraude esser scoperta teme)
per fare in viso l’uno all’altro dire
quel che negando ambi parean mentire.

69
– Dimmi (le disse il re con fiero sguardo),
e non temer di me né di costui;
chi tutta notte fu quel sì gagliardo,
che ti godé senza far parte altrui? –
Credendo l’un provar l’altro bugiardo,
la risposta aspettavano ambedui.
Fiammetta a’ piedi lor si gittò, incerta
di viver più, vedendosi scoperta.

Comments are closed.
contatore accessi web