Footer menù

Testo del canto 27 (XXVII) del poema Orlando Furioso

70
Ed eran poi venuti ove il destriero
facea, mordendo, il ricco fren spumoso;
io dico il buon Frontin, per cui Ruggiero
stava iracondo e più che mai sdegnoso.
Sacripante ch’a por tal cavalliero
in campo avea, mirava curioso
se ben ferrato e ben guernito e in punto
era il destrier, come doveasi a punto.

71
E venendo a guardargli più a minuto
i segni, le fattezze isnelle ed atte,
ebbe, fuor d’ogni dubbio, conosciuto
che questo era il destrier suo Frontalatte,
che tanto caro già s’avea tenuto,
per cui già avea mille querele fatte;
e poi che gli fu tolto, un tempo volse
sempre ire a piedi: in modo gliene dolse.

72
Inanzi Albracca glie l’avea Brunello
tolto di sotto quel medesmo giorno
ch’ad Angelica ancor tolse l’annello,
al conte Orlando Balisarda e ‘l corno,
e la spada a Marfisa: ed avea quello,
dopo che fece in Africa ritorno,
con Balisarda insieme a Ruggier dato,
il qual l’avea Frontin poi nominato.

73
Quando conobbe non si apporre in fallo,
disse il Circasso, al re d’Algier rivolto:
– Sappi, signor, che questo è mio cavallo,
ch’ad Albracca di furto mi fu tolto.
Bene avrei testimoni da provallo;
ma perché son da noi lontani molto,
s’alcun lo niega, io gli vo’ sostenere
con l’arme in man le mie parole vere.

74
Ben son contento, per la compagnia
in questi pochi dì stata fra noi,
che prestato il cavallo oggi ti sia,
ch’io veggo ben che senza far non puoi;
però con patto, se per cosa mia
e prestata da me conoscer vuoi:
altrimente d’averlo non far stima,
o se non lo combatti meco prima. –

75
Rodomonte, del quale un più orgoglioso
non ebbe mai tutto il mestier de l’arme;
al quale in esser forte e coraggioso
alcuno antico d’uguagliar non parme;
rispose: – Sacripante, ogn’altro ch’oso,
fuor che tu, fosse in tal modo a parlarme,
con suo mal si saria tosto avveduto
che meglio era per lui di nascer muto.

76
Ma per la compagnia che, come hai detto,
novellamente insieme abbiamo presa,
ti son contento aver tanto rispetto,
ch’io t’ammonisca a tardar questa impresa,
fin che de la battaglia veggi effetto,
che fra il Tartaro e me tosto fia accesa:
dove porti uno esempio inanzi spero,
ch’avrai di grazia a dirmi: Abbi il destriero. –

77
Gli è teco cortesia l’esser villano
(disse il Circasso pien d’ira e di isdegno);
ma più chiaro ti dico ora e più piano,
che tu non faccia in quel destrier disegno:
che te lo defendo io, tanto ch’in mano
questa vindice mia spada sostegno;
e metteròvi insino l’ugna e il dente,
se non potrò difenderlo altrimente. –

78
Venner da le parole alle contese,
ai gridi, alle minacce, alla battaglia,
che per molt’ira in più fretta s’accese,
che s’accendesse mai per fuoco paglia.
Rodomonte ha l’osbergo ed ogni arnese,
Sacripante non ha piastra né maglia;
ma par (sì ben con lo schermir s’adopra)
che tutto con la spada si ricuopra.

79
Non era la possanza e la fierezza
di Rodomonte, ancor ch’era infinita,
più che la providenza e la destrezza
con che sue forze Sacripante aita.
Non voltò ruota mai con più prestezza
il macigno sovran che ‘l grano trita,
che faccia Sacripante or mano or piede
di qua di là, dove il bisogno vede.

Comments are closed.
contatore accessi web