Footer menù

Testo del canto 27 (XXVII) del poema Orlando Furioso

50
Sedeva in tribunale amplo e sublime
il re d’Africa, e seco era l’Ispano;
poi Stordilano, e l’altre genti prime
che riveria l’esercito pagano.
Beato a chi pôn dare argini e cime
d’arbori stanza che gli alzi dal piano!
Grande è la calca, e grande in ogni lato
populo ondeggia intorno al gran steccato.

51
Eran con la regina di Castiglia
regine e principesse e nobil donne
d’Aragon, di Granata e di Siviglia,
e fin di presso all’atlantee colonne:
tra quai di Stordilan sedea la figlia,
che di duo drappi avea le ricche gonne,
l’un d’un rosso mal tinto, e l’altro verde;
ma ‘l primo quasi imbianca e il color perde.

52
In abito succinta era Marfisa,
qual si convenne a donna ed a guerriera.
Termoodonte forse a quella guisa
vide Ippolita ornarsi e la sua schiera.
Già, con la cotta d’arme alla divisa
del re Agramante, in campo venut’era
l’araldo a far divieto e metter leggi,
che né in fatto né in detto alcun parteggi.

53
La spessa turba aspetta disiando
la pugna, e spesso incolpa il venir tardo
dei duo famosi cavallieri; quando
s’ode dal padiglion di Mandricardo
alto rumor che vien moltiplicando.
Or sappiate, Signor, che ‘l re gagliardo
di Sericana e ‘l Tartaro possente
fanno il tumulto e ‘l grido che si sente.

54
Avendo armato il re di Sericana
di sua man tutto il re di Tartaria,
per porgli al fianco la spada soprana
che già d’Orlando fu, se ne venìa;
quando nel pome scritto Durindana
vide, e ‘l quartier ch’Almonte aver solia,
ch’a quel meschin fu tolto ad una fonte
dal giovenetto Orlando in Aspramonte.

55
Vedendola, fu certo ch’era quella
tanto famosa del signor d’Anglante,
per cui con grande armata, e la più bella
che giamai si partisse di Levante,
soggiogato avea il regno di Castella,
e Francia vinta esso pochi anni inante:
ma non può imaginarsi come avenga
ch’or Mandricardo in suo poter la tenga.

56
E dimandògli se per forza o patto
l’avesse tolta al conte, e dove e quando.
E Mandricardo disse ch’avea fatto
gran battaglia per essa con Orlando;
e come finto quel s’era poi matto,
così coprire il suo timor sperando,
ch’era d’aver continua guerra meco,
fin che la buona spada avesse seco.

57
E dicea ch’imitato avea il castore,
il qual si strappa i genitali sui,
vedendosi alle spalle il cacciatore,
che sa che non ricerca altro da lui.
Gradasso non udì tutto il tenore,
che disse: – Non vo’ darla a te né altrui:
tanto oro, tanto affanno e tanta gente
ci ho speso, che è ben mia debitamente.

58
Cercati pur fornir d’un’altra spada,
ch’io voglio questa, e non ti paia nuovo.
Pazzo o saggio ch’Orlando se ne vada,
averla intendo, ovunque io la ritrovo.
Tu senza testimoni in su la strada
te l’usurpasti: io qui lite ne muovo.
La mia ragion dirà mia scimitarra,
e faremo il giudicio ne la sbarra.

59
Prima, di guadagnarla t’apparecchia,
che tu l’adopri contra a Rodomonte.
Di comprar prima l’arme è usanza vecchia,
ch’alla battaglia il cavallier s’affronte. –
– Più dolce suon non mi viene all’orecchia
(rispose alzando il Tartaro la fronte),
che quando di battaglia alcun mi tenta;
ma fa che Rodomonte lo consenta.

Comments are closed.
contatore accessi web