Footer menù

Testo del canto 27 (XXVII) del poema Orlando Furioso

20
Il magno imperator, fuor che la testa,
è tutto armato, e i paladini ha presso;
e domandando vien che cosa è questa
che le squadre in disordine gli ha messo;
e minacciando, or questi or quelli arresta;
e vede a molti il viso o il petto fesso,
ad altri insanguinare o il capo o il gozzo,
alcun tornar con mano o braccio mozzo.

21
Giunge più inanzi, e ne ritrova molti
giacere in terra, anzi in vermiglio lago
nel proprio sangue orribilmente involti,
né giovar lor può medico né mago;
e vede dagli busti i capi sciolti
e braccia e gambe con crudele imago;
e ritrova dai primi alloggiamenti
agli ultimi per tutto uomini spenti.

22
Dove passato era il piccol drappello,
di chiara fama eternamente degno,
per lunga riga era rimaso quello
al mondo sempre memorabil segno.
Carlo mirando va il crudel macello,
maraviglioso, e pien d’ira e di sdegno,
come alcun, in cui danno il fulgur venne,
cerca per casa ogni sentier che tenne.

23
Non era agli ripari anco arrivato
del re african questo primiero aiuto,
che con Marfisa fu da un altro lato
l’animoso Ruggier sopravenuto.
Poi ch’una volta o due l’occhio aggirato
ebbe la degna coppia, e ben veduto
qual via più breve per soccorrer fosse
l’assediato signor, ratto si mosse.

24
Come quando si dà fuoco alla mina,
pel lungo solco de la negra polve
licenziosa fiamma arde e camina
sì ch’occhio a dietro a pena se le volve;
e qual si sente poi l’alta ruina
che ‘l duro sasso o il grosso muro solve:
così Ruggiero e Marfisa veniro,
e tai ne la battaglia si sentiro.

25
Per lungo e per traverso a fender teste
incominciaro, e tagliar braccia e spalle
de le turbe che male erano preste
ad espedire e sgombrar loro il calle.
C’ha notato il passar de le tempeste,
ch’una parte d’un monte o d’una valle
offende, e l’altra lascia, s’appresenti
la via di questi duo fra quelle genti.

26
Molti che dal furor di Rodomonte
e di quegli altri primi eran fuggiti,
Dio ringraziavan ch’avea lor sì pronte
gambe concesse, e piedi sì spediti;
e poi, dando del petto e de la fronte
in Marfisa e in Ruggier, vedean scherniti,
come l’uom né per star né per fuggire,
al suo fisso destin può contradire.

27
Chi fugge l’un pericolo, rimane
ne l’altro, e paga il fio d’ossa e di polpe.
Così cader coi figli in bocca al cane
suol, sperando fuggir, timida volpe,
poi che la caccia de l’antique tane
il suo vicin che le dà mille colpe,
e cautamente con fumo e con fuoco
turbata l’ha da non temuto loco.

28
Negli ripari entrò de’ Saracini
Marfisa con Ruggiero a salvamento.
Quivi tutti con gli occhi al ciel supini
Dio ringraziar del buono avvenimento.
Or non v’è più timor de’ paladini:
il più tristo pagan ne sfida cento;
ed è concluso che senza riposo
si torni a fare il campo sanguinoso.

29
Corni, bussoni, timpani moreschi
empieno il ciel di formidabil suoni:
ne l’aria tremolare ai venti freschi
si veggon le bandiere e i gonfaloni.
Da l’altra parte i capitan carleschi
stringon con Alamanni e con Britoni
quei di Francia, d’Italia e d’Inghilterra;
e si mesce aspra e sanguinosa guerra.

Comments are closed.
contatore accessi web