Footer menù

Testo del canto 27 (XXVII) del poema Orlando Furioso

10
Or fatta la battaglia onde portonne
egli l’onor d’aver chiuso Agramante,
tornò a Parigi, e monister di donne
e case e rocche cercò tutte quante.
Se murata non è tra le colonne,
l’avria trovata il curioso amante.
Vedendo al fin ch’ella non v’è né Orlando,
amenduo va con gran disio cercando.

11
Pensò che dentro Anglante o dentro a Brava
se la godesse Orlando in festa e in giuoco;
e qua e là per ritrovarla andava,
né in quel la ritrovò né in questo loco.
A Parigi di nuovo ritornava,
pensando che tardar dovesse poco
di capitare il paladino al varco;
che ‘l suo star fuor non era senza incarco.

12
Un giorno o duo ne la città soggiorna
Rinaldo; e poi ch’Orlando non arriva,
or verso Anglante, or verso Brava torna,
cercando se di lui novella udiva.
Cavalca e quando annotta e quando aggiorna,
alla fresca alba e all’ardente ora estiva;
e fa al lume del sole e de la luna
dugento volte questa via, non ch’una.

13
Ma l’antiquo aversario, il qual fece Eva
all’interdetto pome alzar la mano,
a Carlo un giorno i lividi occhi leva,
che ‘l buon Rinaldo era da lui lontano;
e vedendo la rotta che poteva
darsi in quel punto al populo cristiano,
quanta eccellenza d’arme al mondo fusse
fra tutti i Saracini, ivi condusse.

14
Al re Gradasso e al buon re Sacripante,
ch’eran fatti compagni all’uscir fuore
de la piena d’error casa d’Atlante,
di venire in soccorso messe in core
alle genti assediate d’Agramante,
e a distruzion di Carlo imperatore:
ed egli per l’incognite contrade
fe’ lor la scorta e agevolò le strade.

15
Ed ad un altro suo diede negozio
d’affrettar Rodomonte e Mandricardo
per le vestigie donde l’altro sozio
a condur Doralice non è tardo.
Ne manda ancora un altro, perché in ozio
non stia Marfisa né Ruggier gagliardo;
ma chi guidò l’ultima coppia tenne
la briglia più, né quando gli altri venne.

16
La coppia di Marfisa e di Ruggiero
di mezza ora più tarda si condusse;
però ch’astutamente l’angel nero,
volendo agli cristian dar de le busse,
provide che la lite del destriero
per impedire il suo desir non fusse,
che rinovata si saria, se giunto
fosse Ruggiero e Rodomonte a un punto.

17
I quattro primi si trovaro insieme
onde potean veder gli alloggiamenti
de l’esercito oppresso e di chi ‘l preme,
e le bandiere in che feriano i venti.
Si consigliaro alquanto; e fur l’estreme
conclusion dei lor ragionamenti
di dare aiuto, mal grado di Carlo,
al re Agramante, e de l’assedio trarlo.

18
Stringonsi insieme, e prendono la via
per mezzo ove s’alloggiano i cristiani,
gridando Africa e Spagna tuttavia;
e si scopriro in tutto esser pagani.
Pel campo, arme, arme risonar s’udia;
ma menar si sentir prima le mani:
e de la retroguardia una gran frotta,
non ch’assalita sia, ma fugge in rotta.

19
L’esercito cristian mosso a tumulto
sozzopra va senza sapere il fatto.
Estima alcun che sia un usato insulto
che Svizzari o Guasconi abbino fatto.
Ma perch’alla più parte è il caso occulto,
s’aduna insieme ogni nazion di fatto,
altri a suon di tamburo, altri di tromba:
grande è ‘l rumore, e fin al ciel rimbomba.

Comments are closed.
contatore accessi web