Footer menù

Testo del canto 27 (XXVII) del poema Orlando Furioso

90
Sopra tutti i rumor, strepiti e gridi,
di che ‘l campo era pien quasi ugualmente,
Brunel, ch’ora pietade ora sussidi
domandando venìa, così si sente,
ch’al suono de’ ramarichi e de’ stridi
si fa d’intorno accor tutta la gente.
Giunta inanzi al re d’Africa, Marfisa
con viso altier gli dice in questa guisa:

91
– Io voglio questo ladro tuo vasallo
con le mie mani impender per la gola,
perché il giorno medesmo che ‘l cavallo
a costui tolle, a me la spada invola.
Ma se gli è alcun che voglia dir ch’io fallo,
facciasi inanzi e dica una parola;
ch’in tua presenza gli vo’ sostenere
che se ne mente, e ch’io fo il mio dovere.

92
Ma perché si potria forse imputarme
c’ho atteso a farlo in mezzo a tante liti,
mentre che questi più famosi in arme
d’altre querele son tutti impediti;
tre giorni ad impiccarlo io vo’ indugiarme:
intanto o vieni, o manda chi l’aiti;
che dopo, se non fia chi me lo vieti,
farò di lui mille uccellacci lieti.

93
Di qui presso a tre leghe a quella torre
che siede inanzi ad un piccol boschetto,
senza più compagnia mi vado a porre,
che d’una mia donzella e d’un valletto.
S’alcuno ardisce di venirmi a torre
questo ladron, là venga, ch’io l’aspetto. –
Così disse ella; e dove disse, prese
tosto la via, né più risposta attese.

94
Sul collo inanzi del destrier si pone
Brunel, che tuttavia tien per le chiome.
Piange il misero e grida, e le persone,
in che sperar solìa, chiama per nome.
Resta Agramante in tal confusione
di questi intrichi, che non vede come
poterli sciorre; e gli par via più greve
che Marfisa Brunel così gli leve.

95
Non che l’apprezzi o che gli porti amore,
anzi più giorni son che l’odia molto;
e spesso ha d’impiccarlo avuto in core,
dopo che gli era stato l’annel tolto.
Ma questo atto gli par contra il suo onore,
sì che n’avampa di vergogna in volto.
Vuole in persona egli seguirla in fretta,
e a tutto suo poter farne vendetta.

96
Ma il re Sobrino, il quale era presente,
da questa impresa molto il dissuade,
dicendogli che mal conveniente
era all’altezza di sua maestade,
se ben avesse d’esserne vincente
ferma speranza e certa sicurtade:
più ch’onor, gli fia biasmo, che si dica
ch’abbia vinta una femina a fatica.

97
Poco l’onore, e molto era il periglio
d’ogni battaglia che con lei pigliasse;
e che gli dava per miglior consiglio,
che Brunello alle forche aver lasciasse;
e se credesse ch’uno alzar di ciglio
a torlo dal capestro gli bastasse,
non dovea alzarlo, per non contradire
che s’abbia la giustizia ad esequire.

98
– Potrai mandare un che Marfisa prieghi
(dicea) ch’in questo giudice ti faccia,
con promission ch’al ladroncel si leghi
il laccio al collo, e a lei si sodisfaccia;
e quando anco ostinata te lo nieghi,
se l’abbia, e il suo desir tutto compiaccia:
pur che da tua amicizia non si spicchi,
Brunello e gli altri ladri tutti impicchi. –

99
Il re Agramante volentier s’attenne
al parer di Sobrin discreto e saggio;
e Marfisa lasciò, che non le venne,
né patì ch’altri andasse a farle oltraggio,
né di farla pregare anco sostenne:
e tolerò, Dio sa con che coraggio,
per poter acchetar liti maggiori,
e del suo campo tor tanti romori.

Comments are closed.
contatore accessi web