Footer menù

Testo del canto 18 (XVIII) del poema Orlando Furioso

30
La Gelosia quel nano avea trovato;
e la cagion del suo venir compresa,
a caminar se gli era messa allato,
parendo d’aver luogo a questa impresa.
Alla Discordia ritrovar fu grato
la Gelosia; ma più quando ebbe intesa
la cagion del venir, che le potea
molto valere in quel che far volea.

31
D’inimicar con Rodomonte il figlio
del re Agrican le pare aver suggetto:
troverà a sdegnar gli altri altro consiglio;
a sdegnar questi duo questo è perfetto.
Col nano se ne vien dove l’artiglio
del fier pagano avea Parigi astretto;
e capitaro a punto in su la riva,
quando il crudel del fiume a nuoto usciva.

32
Tosto che riconobbe Rodomonte
costui de la sua donna esser messaggio,
estinse ogn’ira, e serenò la fronte,
e si sentì brillar dentro il coraggio.
Ogn’altra cosa aspetta che gli conte,
prima ch’alcuno abbia a lei fatto oltraggio.
Va contra il nano, e lieto gli domanda:
– Ch’è de la donna nostra? ove ti manda? –

33
Rispose il nano: – Né più tua né mia
donna dirò quella ch’è serva altrui.
Ieri scontrammo un cavallier per via,
che ne la tolse, e la menò con lui. –
A quello annunzio entrò la Gelosia,
fredda come aspe, ed abbracciò costui.
Seguita il nano, e narragli in che guisa
un sol l’ha presa, e la sua gente uccisa.

34
L’acciaio allora la Discordia prese,
e la pietra focaia, e picchiò un poco,
e l’esca sotto la Superbia stese,
e fu attaccato in un momento il fuoco;
e sì di questo l’anima s’accese
del Saracin, che non trovava loco:
sospira e freme con sì orribil faccia,
che gli elementi e tutto il ciel minaccia.

35
Come la tigre, poi ch’invan discende
nel voto albergo, e per tutto s’aggira,
e i cari figli all’ultimo comprende
essergli tolti, avampa di tant’ira,
a tanta rabbia, a tal furor s’estende,
che né a monte né a rio né a notte mira;
né lunga via, né grandine raffrena
l’odio che dietro al predator la mena:

36
così furendo il Saracin bizzarro
si volge al nano, e dice: – Or là t’invia; –
e non aspetta né destrier né carro,
e non fa motto alla sua compagnia.
Va con più fretta che non va il ramarro,
quando il ciel arde, a traversar la via.
Destrier non ha, ma il primo tor disegna,
sia di chi vuol, ch’ad incontrar lo vegna.

37
La Discordia ch’udì questo pensiero,
guardò, ridendo, la Superbia, e disse
che volea gire a trovare un destriero
che gli apportasse altre contese e risse;
e far volea sgombrar tutto il sentiero,
ch’altro che quello in man non gli venisse:
e già pensato avea dove trovarlo.
Ma costei lascio, e torno a dir di Carlo.

38
Poi ch’al partir del Saracin si estinse
Carlo d’intorno il periglioso fuoco,
tutte le genti all’ordine ristrinse.
Lascionne parte in qualche debol loco:
adosso il resto ai Saracini spinse,
per dar lor scacco, e guadagnarsi il giuoco;
e gli mandò per ogni porta fuore,
da San Germano infin a San Vittore.

39
E commandò ch’a porta San Marcello,
dov’era gran spianata di campagna,
aspettasse l’un l’altro, e in un drappello
si ragunasse tutta la compagna.
Quindi animando ognuno a far macello
tal, che sempre ricordo ne rimagna,
ai lor ordini andar fe’ le bandiere,
e di battaglia dar segno alle schiere.

Comments are closed.
contatore accessi web