Footer menù

Testo del canto 18 (XVIII) del poema Orlando Furioso

10
Guido, Ranier, Ricardo, Salamone,
Ganelon traditor, Turpin fedele,
Angioliero, Angiolino, Ughetto, Ivone,
Marco e Matteo dal pian di san Michele,
e gli otto di che dianzi fei menzione,
son tutti intorno al Saracin crudele,
Arimanno e Odoardo d’Inghilterra,
ch’entrati eran pur dianzi ne la terra.

11
Non così freme in su lo scoglio alpino
di ben fondata rocca alta parete,
quando il furor di borea o di garbino
svelle dai monti il frassino e l’abete;
come freme d’orgoglio il Saracino,
di sdegno acceso e di sanguigna sete:
e com’a un tempo è il tuono e la saetta,
così l’ira de l’empio e la vendetta.

12
Mena alla testa a quel che gli è più presso,
che gli è il misero Ughetto di Dordona:
lo pone in terra insino ai denti fesso,
come che l’elmo era di tempra buona.
Percosso fu tutto in un tempo anch’esso
da molti colpi in tutta la persona;
ma non gli fan più ch’all’incude l’ago:
sì duro intorno ha lo scaglioso drago.

13
Furo tutti i ripar, fu la cittade
d’intorno intorno abandonata tutta;
che la gente alla piazza, dove accade
maggior bisogno, Carlo avea ridutta.
Corre alla piazza da tutte le strade
la turba, a chi il fuggir sì poco frutta.
La persona del re sì i cori accende,
ch’ognun prend’arme, ognuno animo prende.

14
Come se dentro a ben rinchiusa gabbia
d’antiqua leonessa usata in guerra,
perch’averne piacere il popul abbia,
talvolta il tauro indomito si serra;
i leoncin che veggion per la sabbia
come altiero e mugliando animoso erra,
e veder sì gran corna non son usi,
stanno da parte timidi e confusi:

15
ma se la fiera madre a quel si lancia,
e ne l’orecchio attacca il crudel dente,
vogliono anch’essi insanguinar la guancia,
e vengono in soccorso arditamente;
chi morde al tauro il dosso e chi la pancia:
così contra il pagan fa quella gente.
Da tetti e da finestre e più d’appresso
sopra gli piove un nembo d’arme e spesso.

16
Dei cavallieri e de la fanteria
tanta è la calca, ch’a pena vi cape.
La turba che vi vien per ogni via,
v’abbonda ad or ad or spessa come ape;
che quando, disarmata e nuda, sia
più facile a tagliar che torsi o rape,
non la potria, legata a monte a monte,
in venti giorni spenger Rodomonte.

17
Al pagan, che non sa come ne possa
venir a capo, omai quel gioco incresce.
Poco, per far di mille, o di più, rossa
la terra intorno, il populo discresce.
Il fiato tuttavia più se gl’ingrossa,
si che comprende al fin che, se non esce
or c’ha vigore e in tutto il corpo è sano,
vorrà da tempo uscir, che sarà invano.

18
Rivolge gli occhi orribili, e pon mente
che d’ogn’intorno sta chiusa l’uscita;
ma con ruina d’infinita gente
l’aprirà tosto, e la farà espedita.
Ecco, vibrando la spada tagliente,
che vien quel empio, ove il furor lo ‘nvita,
ad assalire il nuovo stuol britanno,
che vi trasse Odoardo ed Arimanno.

19
Chi ha visto in piazza rompere steccato,
a cui la folta turba ondeggi intorno,
immansueto tauro accaneggiato,
stimulato e percosso tutto ‘l giorno;
che ‘l popul se ne fugge ispaventato,
ed egli or questo or quel leva sul corno:
pensi che tale o più terribil fosse
il crudele African quando si mosse.

Comments are closed.
contatore accessi web