Footer menù

Testo del canto 15 (XV) del poema Orlando Furioso

30
Come con questi, ovunque andar per terra
si possa, accrescerà l’imperio antico;
così per tutto il mar, ch’in mezzo serra
di là l’Europa e di qua l’Afro aprico,
sarà vittorioso in ogni guerra,
poi ch’Andrea Doria s’avrà fatto amico.
Questo è quel Doria che fa dai pirati
sicuro il vostro mar per tutti i lati.

31
Non fu Pompeio a par di costui degno,
se ben vinse e cacciò tutti i corsari;
Però che quelli al più possente regno
che fosse mai, non poteano esser pari:
ma questo Doria, sol col proprio ingegno
e proprie forze purgherà quei mari;
sì che da Calpe al Nilo, ovunque s’oda
il nome suo, tremar veggio ogni proda.

32
Sotto la fede entrar, sotto la scorta
di questo capitan di ch’io ti parlo,
veggio in Italia, ove da lui la porta
gli sarà aperta, alla corona Carlo.
Veggio che ‘l premio che di ciò riporta,
non tien per sé, ma fa alla patria darlo:
con prieghi ottien ch’in libertà la metta,
dove altri a sé l’avria forse suggetta.

33
Questa pietà, ch’egli alla patria mostra,
è degna di più onor d’ogni battaglia
ch’in Francia o in Spagna o ne la terra vostra
vincesse Iulio, o in Africa o in Tessaglia.
Né il grande Ottavio, né chi seco giostra
di par, Antonio, in più onoranza saglia
pei gesti suoi; ch’ogni lor laude amorza
l’avere usato alla lor patria forza.

34
Questi ed ogn’altro che la patria tenta
di libera far serva, si arrosisca;
né dove il nome d’Andrea Doria senta,
di levar gli occhi in viso d’uomo ardisca.
Veggio Carlo che ‘l premio gli augumenta;
ch’oltre quel ch’in commun vuol che fruisca,
gli dà la ricca terra ch’ai Normandi
sarà principio a farli in Puglia grandi.

35
A questo capitan non pur cortese
il magnanimo Carlo ha da mostrarsi,
ma a quanti avrà ne le cesaree imprese
del sangue lor non ritrovati scarsi.
D’aver città, d’aver tutto un paese
donato a un suo fedel, più ralegrarsi
lo veggio, e a tutti quei che ne son degni,
che d’acquistar nuov’altri imperi e regni. –

36
Così de le vittorie, le qual, poi
ch’un gran numero d’anni sarà corso,
daranno a Carlo i capitani suoi,
facea col duca Andronica discorso:
e la compagna intanto ai venti eoi
viene allentando e raccogliendo il morso;
e fa ch’or questo or quel propizio l’esce,
e come vuol li minuisce e cresce.

37
Veduto aveano intanto il mar de’ Persi
come in sì largo spazio si dilaghi;
onde vicini in pochi giorni fersi
al golfo che nomar gli antiqui Maghi.
Quivi pigliaro il porto, e fur conversi
con la poppa alla ripa i legni vaghi;
quindi sicur d’Alcina e di sua guerra,
Astolfo il suo camin prese per terra.

38
Passò per più d’un campo e più d’un bosco,
per più d’un monte e per più d’una valle;
ove ebbe spesso, all’aer chiaro e al fosco,
i ladroni or inanzi or alle spalle.
Vide leoni, e draghi pien di tosco,
ed altre fere attraversarsi il calle;
ma non sì tosto avea la bocca al corno,
che spaventati gli fuggian d’intorno.

39
Vien per l’Arabia ch’è detta Felice,
ricca di mirra e d’odorato incenso,
che per suo albergo l’unica fenice
eletto s’ha di tutto il mondo immenso;
fin che l’onda trovò vendicatrice
già d’Israel, che per divin consenso
Faraone sommerse e tutti i suoi:
e poi venne alla terra degli Eroi.

Comments are closed.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web