Footer menù

Testo del canto 10 (X) del poema Orlando Furioso

80
Il conte d’Arindelia è quel c’ha messo
in mar quella barchetta che s’affonda.
Vedi il marchese di Barclei; e appresso
di Marchia il conte e il conte di Ritmonda:
il primo porta in bianco un monte fesso,
l’altro la palma, il terzo un pin ne l’onda.
Quel di Dorsezia è conte, e quel d’Antona,
che l’uno ha il carro, e l’altro la corona.

81
Il falcon che sul nido i vanni inchina,
porta Raimondo, il conte di Devonia.
Il giallo e negro ha quel di Vigorina;
il can quel d’Erbia un orso quel d’Osonia.
La croce che là vedi cristallina,
è del ricco prelato di Battonia.
Vedi nel bigio una spezzata sedia:
è del duca Ariman di Sormosedia.

82
Gli uomini d’arme e gli arcieri a cavallo
di quarantaduomila numer fanno.
Sono duo tanti, o di cento non fallo,
quelli ch’a piè ne la battaglia vanno.
Mira quei segni, un bigio, un verde, un giallo,
e di nero e d’azzur listato un panno:
Gofredo, Enrigo, Ermante ed Odoardo
guidan pedoni, ognun col suo stendardo.

83
Duca di Bocchingamia è quel dinante;
Enrigo ha la contea di Sarisberia;
signoreggia Burgenia il vecchio Ermante;
quello Odoardo è conte di Croisberia.
Questi alloggiati più verso levante
sono gl’Inglesi. Or volgeti all’Esperia,
dove si veggion trentamila Scotti,
da Zerbin, figlio del lor re, condotti.

84
Vedi tra duo unicorni il gran leone,
che la spada d’argento ha ne la zampa:
quell’è del re di Scozia il gonfalone;
il suo figliol Zerbino ivi s’accampa.
Non è un sì bello in tante altre persone:
natura il fece, e poi roppe la stampa.
Non è in cui tal virtù, tal grazia luca,
o tal possanza: ed è di Roscia duca.

85
Porta in azzurro una dorata sbarra
il conte d’Ottonlei ne lo stendardo.
L’altra bandiera è del duca di Marra,
che nel travaglio porta il leopardo.
Di più colori e di più augei bizzarra
mira l’insegna d’Alcabrun gagliardo,
che non è duca, conte, né marchese,
ma primo nel salvatico paese.

86
Del duca di Trasfordia è quella insegna,
dove è l’augel ch’al sol tien gli occhi franchi.
Lurcanio conte, ch’in Angoscia regna,
porta quel tauro, c’ha duo veltri ai fianchi.
Vedi là il duca d’Albania, che segna
il campo di colori azzurri e bianchi.
Quel avoltor, ch’un drago verde lania,
è l’insegna del conte di Boccania.

87
Signoreggia Forbesse il forte Armano,
che di bianco e di nero ha la bandiera;
ed ha il conte d’Erelia a destra mano,
che porta in campo verde una lumiera.
Or guarda gl’Ibernesi appresso il piano:
sono duo squadre; e il conte di Childera
mena la prima, e il conte di Desmonda
da fieri monti ha tratta la seconda.

88
Ne lo stendardo il primo ha un pino ardente;
l’altro nel bianco una vermiglia banda.
Non dà soccorso a Carlo solamente
la terra inglese, e la Scozia e l’Irlanda;
ma vien di Svezia e di Norvegia gente,
da Tile, e fin da la remota Islanda:
da ogni terra, insomma, che là giace,
nimica naturalmente di pace.

89
Sedicimila sono, o poco manco,
de le spelonche usciti e de le selve;
hanno piloso il viso, il petto, il fianco,
e dossi e braccia e gambe, come belve.
Intorno allo stendardo tutto bianco
par che quel pian di lor lance s’inselve:
così Moratto il porta, il capo loro,
per dipingerlo poi di sangue Moro. –

Comments are closed.
contatore accessi web