Footer menù

Testo del canto 10 (X) del poema Orlando Furioso

70
Al venir quivi, era, lasciando Spagna,
venuto India a trovar per dritta riga,
là dove il mare oriental la bagna;
dove una fata avea con l’altra briga.
Or veder si dispose altra campagna,
che quella dove i venti Eolo istiga,
e finir tutto il cominciato tondo,
per aver, come il sol, girato il mondo.

71
Quinci il Cataio, e quindi Mangiana
sopra il gran Quinsaì vide passando:
volò sopra l’Imavo, e Sericana
lasciò a man destra; e sempre declinando
da l’iperborei Sciti a l’onda ircana,
giunse alle parti di Sarmazia: e quando
fu dove Asia da Europa si divide,
Russi e Pruteni e la Pomeria vide.

72
Ben che di Ruggier fosse ogni desire
di ritornare a Bradamante presto;
pur, gustato il piacer ch’avea di gire
cercando il mondo, non restò per questo,
ch’alli Pollacchi, agli Ungari venire
non volesse anco, alli Germani, e al resto
di quella boreale orrida terra:
e venne al fin ne l’ultima Inghilterra.

73
Non crediate, Signor, che però stia
per sì lungo camin sempre su l’ale:
ogni sera all’albergo se ne gìa,
schivando a suo poter d’alloggiar male.
E spese giorni e mesi in questa via,
sì di veder la terra e il mar gli cale.
Or presso a Londra giunto una matina,
sopra Tamigi il volator declina.

74
Dove ne’ prati alla città vicini
vide adunati uomini d’arme e fanti,
ch’a suon di trombe e a suon di tamburini
venian, partiti a belle schiere, avanti
il buon Rinaldo, onor de’ paladini;
del qual, se vi ricorda, io dissi inanti,
che mandato da Carlo, era venuto
in queste parti a ricercar aiuto.

75
Giunse a punto Ruggier, che si facea
la bella mostra fuor di quella terra;
e per sapere il tutto, ne chiedea
un cavallier, ma scese prima in terra:
e quel, ch’affabil era, gli dicea
che di Scozia e d’Irlanda e d’Inghilterra
e de l’isole intorno eran le schiere
che quivi alzate avean tante bandiere:

76
e finita la mostra che faceano,
alla marina se distenderanno,
dove aspettati per solcar l’Oceano
son dai navili che nel porto stanno.
I Franceschi assediati si ricreano,
sperando in questi che a salvar li vanno.
– Ma acciò tu te n’informi pienamente,
io ti distinguerò tutta la gente.

77
Tu vedi ben quella bandiera grande,
ch’insieme pon la fiordaligi e i pardi:
quella il gran capitano all’aria spande,
e quella han da seguir gli altri stendardi.
Il suo nome, famoso in queste bande,
è Leonetto, il fior de li gagliardi,
di consiglio e d’ardire in guerra mastro,
del re nipote, e duca di Lincastro.

78
La prima, appresso il gonfalon reale,
che ‘l vento tremolar fa verso il monte,
e tien nel campo verde tre bianche ale,
porta Ricardo, di Varvecia conte.
Del duca di Glocestra è quel segnale,
c’ha duo corna di cervio e mezza fronte.
Del duca di Chiarenza è quella face;
quel arbore è del duca d’Eborace.

79
Vedi in tre pezzi una spezzata lancia:
gli è ‘l gonfalon del duca di Nortfozia.
La fulgure è del buon conte di Cancia;
il grifone è del conte di Pembrozia.
Il duca di Sufolcia ha la bilancia.
Vedi quel giogo che due serpi assozia:
è del conte d’Esenia, e la ghirlanda
in campo azzurro ha quel di Norbelanda.

Comments are closed.
contatore accessi web