Footer menù

Testo del canto 10 (X) del poema Orlando Furioso

50
Così disse il nocchier di Logistilla:
ed oltre il detto, egli medesmo prese
la tasca e da lo scudo dipartilla,
e fe’ il lume di quel chiaro e palese.
L’incantato splendor che ne sfavilla,
gli occhi degli aversari così offese,
che li fe’ restar ciechi allora allora,
e cader chi da poppa e chi da prora.

51
Un ch’era alla veletta in su la rocca,
de l’armata d’Alcina si fu accorto;
e la campana martellando tocca,
onde il soccorso vien subito al porto.
L’artegliaria, come tempesta, fiocca
contra chi vuole al buon Ruggier far torto:
sì che gli venne d’ogni parte aita,
tal che salvò la libertà e la vita.

52
Giunte son quattro donne in su la spiaggia,
che subito ha mandate Logistilla:
la valorosa Andronica e la saggia
Fronesia e l’onestissima Dicilla
e Sofrosina casta, che, come aggia
quivi a far più che l’altre, arde e sfavilla.
L’esercito ch’al mondo è senza pare,
del castello esce, e si distende al mare.

53
Sotto il castel ne la tranquilla foce
di molti e grossi legni era una armata,
ad un botto di squilla, ad una voce
giorno e notte a battaglia apparecchiata.
E così fu la pugna aspra ed atroce,
e per acqua e per terra, incominciata;
per cui fu il regno sottosopra volto,
ch’avea già Alcina alla sorella tolto.

54
Oh di quante battaglie il fin successe
diverso a quel che si credette inante!
Non sol ch’Alcina alor non riavesse,
come stimossi, il fugitivo amante;
ma dele navi che pur dianzi spesse
fur sì, ch’a pena il mar ne capia tante,
fuor de la fiamma che tutt’altre avampa,
con un legnetto sol misera scampa.

55
Fuggesi Alcina, e sua misera gente
arsa e presa riman, rotta e sommersa.
D’aver Ruggier perduto, ella si sente
via più doler che d’altra cosa aversa:
notte e dì per lui geme amaramente,
e lacrime per lui dagli occhi versa;
e per dar fine a tanto aspro martire,
spesso si duol di non poter morire.

56
Morir non puote alcuna fata mai,
fin che ‘l sol gira, o il ciel non muta stilo.
Se ciò non fosse, era il dolore assai
per muover Cloto ad inasparle il filo;
o, qual Didon, finia col ferro i guai;
o la regina splendida del Nilo
avria imitata con mortifer sonno:
ma le fate morir sempre non ponno.

57
Torniamo a quel di eterna gloria degno
Ruggiero; e Alcina stia ne la sua pena.
Dico di lui, che poi che fuor del legno
si fu condutto in più sicura arena,
Dio ringraziando che tutto il disegno
gli era successo, al mar voltò la schiena;
ed affrettando per l’asciutto il piede,
alla rocca ne va che quivi siede.

58
Né la più forte ancor né la più bella
mai vide occhio mortal prima né dopo.
Son di più prezzo le mura di quella,
che se diamante fossino o piropo.
Di tai gemme qua giù non si favella:
ed a chi vuol notizia averne, è d’uopo
che vada quivi; che non credo altrove,
se non forse su in ciel, se ne ritruove.

59
Quel che più fa che lor si inchina e cede
ogn’altra gemma, è che, mirando in esse,
l’uom sin in mezzo all’anima si vede;
vede suoi vizi e sue virtudi espresse,
sì che a lusinghe poi di sé non crede,
né a chi dar biasmo a torto gli volesse:
fassi, mirando allo specchio lucente
se stesso, conoscendosi, prudente.

Comments are closed.
contatore accessi web