Footer menù

Testo del canto 10 (X) del poema Orlando Furioso

40
Non così fin salnitro e zolfo puro,
tocco dal fuoco, subito s’avampa;
né così freme il mar quando l’oscuro
turbo discende e in mezzo se gli accampa:
come, vedendo che Ruggier sicuro
al suo dritto camin l’arena stampa,
e che le sprezza (e pur si tenean belle),
d’ira arse e di furor la terza d’elle.

41
– Tu non sei né gentil né cavalliero
(dice gridando quanto può più forte),
ed hai rubate l’arme; e quel destriero
non saria tuo per veruna altra sorte:
e così, come ben m’appongo al vero,
ti vedessi punir di degna morte;
che fossi fatto in quarti, arso o impiccato,
brutto ladron, villan, superbo, ingrato. –

42
Oltr’a queste e molt’altre ingiuriose
parole che gli usò la donna altiera,
ancor che mai Ruggier non le rispose,
che di sì vil tenzon poco onor spera;
con le sorelle tosto ella si pose
sul legno in mar, che al lor servigio v’era:
ed affrettando i remi, lo seguiva,
vedendol tuttavia dietro alla riva.

43
Minaccia sempre, maledice e incarca;
che l’onte sa trovar per ogni punto.
Intanto a quello stretto, onde si varca
alla fata più bella, è Ruggier giunto;
dove un vecchio nochiero una sua barca
scioglier da l’altra ripa vede, a punto
come, avisato e già provisto, quivi
si stia aspettando che Ruggiero arrivi.

44
Scioglie il nochier, come venir lo vede,
di trasportarlo a miglior ripa lieto;
che, se la faccia può del cor dar fede,
tutto benigno e tutto era discreto.
Pose Ruggier sopra il navilio il piede,
Dio ringraziando; e per lo mar quieto
ragionando venìa col galeotto,
saggio e di lunga esperienza dotto.

45
Quel lodava Ruggier, che sì se avesse
saputo a tempo tor da Alcina, e inanti
che ‘l calice incantato ella gli desse,
ch’avea al fin dato a tutti gli altri amanti;
e poi, che a Logistilla si traesse,
dove veder potria costumi santi,
bellezza eterna ed infinita grazia
che ‘l cor notrisce e pasce, e mai non sazia.

46
– Costei (dicea) stupore e riverenza
induce all’alma, ove si scuopre prima.
Contempla meglio poi l’alta presenza:
ogn’altro ben ti par di poca stima.
Il suo amore ha dagli altri differenza:
speme o timor negli altri il cor ti lima;
in questo il desiderio più non chiede,
e contento riman come la vede.

47
Ella t’insegnerà studi più grati,
che suoni, danze, odori, bagni e cibi:
ma come i pensier tuoi meglio formati
poggin più ad alto, che per l’aria i nibi,
e come de la gloria de’ beati
nel mortal corpo parte si delibi. –
Così parlando il marinar veniva,
lontano ancora alla sicura riva;

48
quando vide scoprire alla marina
molti navili, e tutti alla sua volta.
Con quei ne vien l’ingiuriata Alcina;
e molta di sua gente have raccolta
per por lo stato a se stessa in ruina,
o racquistar la cara cosa tolta.
E bene è amor di ciò cagion non lieve,
ma l’ingiuria non men che ne riceve.

49
Ella non ebbe sdegno, da che nacque,
di questo il maggior mai, ch’ora la rode;
onde fa i remi sì affrettar per l’acque,
che la spuma ne sparge ambe le prode.
Al gran rumor né mar né ripa tacque,
ed Ecco risonar per tutto s’ode.
– Scuopre, Ruggier, lo scudo, che bisogna;
se non, sei morto, o preso con vergogna. –

Comments are closed.
contatore accessi web