Footer menù

Testo del canto 7 (VII) del poema Orlando Furioso

70
In odio gli la pose, ancor che tanto
l’amasse dianzi: e non vi paia strano,
quando il suo amor per forza era d’incanto,
ch’essendovi l’annel, rimase vano.
Fece l’annel palese ancor, che quanto
di beltà Alcina avea, tutto era estrano:
estrano avea, e non suo, dal piè alla treccia;
il bel ne sparve, e le restò la feccia.

71
Come fanciullo che maturo frutto
ripone, e poi si scorda ove è riposto,
e dopo molti giorni è ricondutto
là dove truova a caso il suo deposto,
si maraviglia di vederlo tutto
putrido e guasto, e non come fu posto;
e dove amarlo e caro aver solia,
l’odia, sprezza, n’ha schivo, e getta via:

72
così Ruggier, poi che Melissa fece
ch’a riveder se ne tornò la fata
con quell’annello inanzi a cui non lece,
quando s’ha in dito, usare opra incantata,
ritruova, contra ogni sua stima, invece
de la bella, che dianzi avea lasciata,
donna sì laida, che la terra tutta
né la più vecchia avea né la più brutta.

73
Pallido, crespo e macilente avea
Alcina il viso, il crin raro e canuto,
sua statura a sei palmi non giungea:
ogni dente di bocca era caduto;
che più d’Ecuba e più de la Cumea,
ed avea più d’ogn’altra mai vivuto.
Ma sì l’arti usa al nostro tempo ignote,
che bella e giovanetta parer puote.

74
Giovane e bella ella si fa con arte,
si che molti ingannò come Ruggiero;
ma l’annel venne a interpretar le carte
che già molti anni avean celato il vero.
Miracol non è dunque, se si parte
de l’animo a Ruggier ogni pensiero
ch’avea d’amare Alcina, or che la truova
in guisa, che sua fraude non le giova.

75
Ma come l’avisò Melissa, stette
senza mutare il solito sembiante,
fin che l’arme sue, più dì neglette,
si fu vestito dal capo alle piante;
e per non farle ad Alcina suspette,
finse provar s’in esse era aiutante,
finse provar se gli era fatto grosso,
dopo alcun dì che non l’ha avute indosso.

76
E Balisarda poi si messe al fianco
(che così nome la sua spada avea);
e lo scudo mirabile tolse anco,
che non pur gli occhi abbarbagliar solea,
ma l’anima facea sì venir manco,
che dal corpo esalata esser parea.
Lo tolse, e col zendado in che trovollo,
che tutto lo copria, sel messe al collo.

77
Venne alla stalla, e fece briglia e sella
porre a un destrier più che la pece nero:
così Melissa l’avea istrutto; ch’ella
sapea quanto nel corso era leggiero.
Chi lo conosce, Rabican l’appella;
ed è quel proprio che col cavalliero
del quale i venti or presso al mar fan gioco,
portò già la balena in questo loco.

78
Potea aver l’ippogrifo similmente,
che presso a Rabicano era legato;
ma gli avea detto la maga: – Abbi mente,
ch’egli è (come tu sai) troppo sfrenato. –
E gli diede intenzion che ‘l dì seguente
gli lo trarrebbe fuor di quello stato,
là dove ad agio poi sarebbe istrutto
come frenarlo e farlo gir per tutto.

79
Né sospetto darà, se non lo tolle,
de la tacita fuga ch’apparecchia.
Fece Ruggier come Melissa volle,
ch’invisibile ognor gli era all’orecchia.
Così fingendo, del lascivo e molle
palazzo uscì de la puttana vecchia;
e si venne accostando ad una porta,
donde è la via ch’a Logistilla il porta.

Comments are closed.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web