Footer menù

Testo del canto 7 (VII) del poema Orlando Furioso

Parafrasi completa del canto VII del poema Orlando Furioso

1
Chi va lontan da la sua patria, vede
cose, da quel che già credea, lontane;
che narrandole poi, non se gli crede,
e stimato bugiardo ne rimane:
che ‘l sciocco vulgo non gli vuol dar fede,
se non le vede e tocca chiare e piane.
Per questo io so che l’inesperienza
farà al mio canto dar poca credenza.

2
Poca o molta ch’io ci abbia, non bisogna
ch’io ponga mente al vulgo sciocco e ignaro.
A voi so ben che non parrà menzogna,
che ‘l lume del discorso avete chiaro;
ed a voi soli ogni mio intento agogna
che ‘l frutto sia di mie fatiche caro.
Io vi lasciai che ‘l ponte e la riviera
vider, che’n guardia avea Erifilla altiera.

3
Quell’era armata del più fin metallo,
ch’avean di piu color gemme distinto:
rubin vermiglio, crisolito giallo,
verde smeraldo, con flavo iacinto.
Era montata, ma non a cavallo;
invece avea di quello un lupo spinto:
spinto avea un lupo ove si passa il fiume,
con ricca sella fuor d’ogni costume.

4
Non credo ch’un sì grande Apulia n’abbia:
egli era grosso ed alto più d’un bue.
Con fren spumar non gli facea le labbia,
né so come lo regga a voglie sue.
La sopravesta di color di sabbia
su l’arme avea la maledetta lue:
era, fuor che ‘l color, di quella sorte
ch’i vescovi e i prelati usano in corte.

5
Ed avea ne lo scudo e sul cimiero
una gonfiata e velenosa botta.
Le donne la mostraro al cavalliero,
di qua dal ponte per giostrar ridotta,
e fargli scorno e rompergli il sentiero,
come ad alcuni usata era talotta.
Ella a Ruggier, che torni a dietro, grida:
quel piglia un’asta, e la minaccia e sfida.

6
Non men la gigantessa ardita e presta
sprona il gran lupo e ne l’arcion si serra,
e pon la lancia a mezzo il corso in resta,
e fa tremar nel suo venir la terra.
Ma pur sul prato al fiero incontro resta;
che sotto l’elmo il buon Ruggier l’afferra,
e de l’arcion con tal furor la caccia,
che la riporta indietro oltra sei braccia.

7
E già, tratta la spada ch’avea cinta,
venìa a levarne la testa superba:
e ben lo potea far, che come estinta
Erifilla giacea tra’ fiori e l’erba.
Ma le donne gridar: – Basti sia vinta,
senza pigliarne altra vendetta acerba.
Ripon, cortese cavallier, la spada;
passiamo il ponte e seguitian la strada. –

8
Alquanto malagevole ed aspretta
per mezzo un bosco presero la via,
che oltra che sassosa fosse e stretta,
quasi su dritta alla collina gìa.
Ma poi che furo ascesi in su la vetta,
usciro in spaziosa prateria,
dove il più bel palazzo e ‘l più giocondo
vider, che mai fosse veduto al mondo.

9
La bella Alcina venne un pezzo inante,
verso Ruggier fuor de le prime porte,
e lo raccolse in signoril sembiante,
in mezzo bella ed onorata corte.
Da tutti gli altri tanto onore e tante
riverenze fur fatte al guerrier forte,
che non potrian far più, se tra loro
fosse Dio sceso dal superno coro.

Comments are closed.
contatore accessi web