Footer menù

CIAULA SCOPRE LA LUNA di Luigi Pirandello | Testo e riassunto

Se ne accorse solo quando fu agli ultimi scalini. Dapprima, quantunque gli paresse strano, pensò che fossero gli estremi barlumi del giorno. Ma la chiaria cresceva, cresceva sempre più, come se il sole, che egli aveva pur visto tramontare, fosse rispuntato.
Possibile?
Restò – appena sbucato all’aperto – sbalordito. Il carico gli cadde dalle spalle. Sollevò un poco le braccia; aprì le mani nere in quella chiarità d’argento.
Grande, placida, come in un fresco luminoso oceano di silenzio, gli stava di faccia la Luna.
Sì, egli sapeva, sapeva che cos’era; ma come tante cose si sanno, a cui non si è dato mai importanza. E che poteva importare a Ciàula, che in cielo ci fosse la Luna?
Ora, ora soltanto, così sbucato, di notte, dal ventre della terra, egli la scopriva.
Estatico, cadde a sedere sul suo carico, davanti alla buca. Eccola, eccola là, eccola là, la Luna… C’era la Luna! la Luna!
E Ciàula si mise a piangere, senza saperlo, senza volerlo, dal gran conforto, dalla grande dolcezza che sentiva, nell’averla scoperta, là, mentr’ella saliva pel cielo, la Luna, col suo ampio velo di luce, ignara dei monti, dei piani, delle valli che rischiarava, ignara di lui, che pure per lei non aveva più paura, né si sentiva più stanco, nella notte ora piena del suo stupore.


Riassunto:
Il protagonista di questa novella è Ciaula, un uomo ritardato di circa trent’anni che deve questo nomignolo alla sua abitudine di emettere talvolta dei suoni che ricordano il verso di una cornacchia, chiamata “ciaula” in siciliano.

L’uomo è il garzone maltrattato di Zi’Scarda, un vecchio che lavora ancora nella zolfara nonostante, in quella stessa miniera, una mina abbia ucciso suo figlio e fatto perdere a lui un occhio.

Un giorno il capo della miniera decide che il lavoro deve proseguire anche di notte e mentre tutti gli altri lavoratori non lo ascoltano e se ne vanno, Zi’Scarda e Ciaula vengono obbligati a restare e a finire il lavoro.

Il compito di Ciaula è quello di portare all’esterno della miniera lo zolfo estratto dalla miniera.

Nonostante il protagonista sia abituato al buio delle miniere e non lo tema, ha invece molta paura del buio della notte ed è quindi con ansia e angoscia che si appresta a salire la scala che lo porta all’esterno. Una volta però giunto in cima, si stupisce di non trovare buio come si aspettava: tutt’intorno a lui è illuminato dalla luce irradiata dalla Luna.. Luna che lui sapeva esistere ma che non aveva mai visto.

Ciaula la vede ora per la prima volta nella sua vita e ne rimane incantato: è talmente commosso che sgorgano lacrime dai suoi occhi e non ha più paura.

Comments are closed.
contatore accessi web