Footer menù

Parafrasi canto 19 (XIX) dell’Inferno di Dante

Allo stesso modo né San Pietro né gli altri apostoli tolsero
a San Mattia oro ed argento, quando gli fecero
prendere il posto lasciato libero dall’anima dannata di Giuda.

Perciò stattene lì, perché la punizione che ti spetta è giusta;
e riguarda pure quel denaro ingiustamente sottratto che
ti fece diventare un tanto coraggioso oppositore di a re Carlo.

E se non me lo impedisse
la riverenza che provo per la suprema carica religiosa
che tu hai rivestito nella vita lieta del mondo,

userei contro di te parole anche più dure;
perché l’ avarizia di voi religiosi rende triste il mondo,
calpestando i buoni per esaltare i malvagi.

San Giovanni Evangelista riconobbe voi pastori quando
gli fu mostrata in visione una donna che sedeva sopra le acqua
ed era coinvolta in una relazione illecita con dei re;

quella donna che nacque con sette teste
ed ebbe vigore, ricavò forza dalle sue dieci corna,
finché suo marito si mantenne virtuoso.

Vi siete costruiti un idolo d’oro e d’argento;
e che altra differenza c’è allora tra voi e gli idolatri, se non
che loro ne adora uno, mentre voi ne adorate cento diversi?

Ah Costantino, quanto male generò non tanto
la tua conversione al cristianesimo, quanto quella donazione
che ricevette da te il primo papa, che hai arricchito!”

Mentre gli cantavo questa bella musica, lo spirito dannato,
spinto da ira o dalla propria coscienza,
scalciava forte con entrambi i piedi.

Credo che a Virgilio fossero piaciute le mie parole d’accusa,
dal momento che rimase con espressione compiaciuta
ad ascoltare il suono di tutto le parole schiette che pronunciai.

Mi strinse perciò con entrambe le braccia;
e dopo avermi completamente sollevato sopra il suo petto,
risalì il pendio lungo il sentiero seguito prima per scendere.

Non si stancò di tenermi ben stretto a sé,
ma mi condusse in questo modo fino alla sommità dell’arco
dello scoglio che fa da ponte dal quarto al quinto argine.

Giunto lassù, ripose il suo carico delicatamente,
in modo delicato a causa dello stato di quello scoglio, tanto
ruvido e ripido che sarebbe stato duro da scalare persino per le capre.

Da lassù mi fu visibile un altro vallone.

 < Parafrasi Canto 18 Parafrasi Canto 20 >
Comments are closed.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web