Footer menù

Testo del canto 22 (XXII) dell’Inferno di Dante

e come ‘l barattier fu disparito,
così volse li artigli al suo compagno,
e fu con lui sopra ‘l fosso ghermito.

Ma l’altro fu bene sparvier grifagno
ad artigliar ben lui, e amendue
cadder nel mezzo del bogliente stagno.

Lo caldo sghermitor sùbito fue;
ma però di levarsi era neente,
sì avieno inviscate l’ali sue.

Barbariccia, con li altri suoi dolente,
quattro ne fé volar da l’altra costa
con tutt’ i raffi, e assai prestamente

di qua, di là discesero a la posta;
porser li uncini verso li ‘mpaniati,
ch’eran già cotti dentro da la crosta.

E noi lasciammo lor così ‘mpacciati.

Comments are closed.
contatore accessi web