Footer menù

Testo del canto 46 (XLVI) del poema Orlando Furioso

30
Leon con le più dolci e più soavi
parole che sa dir, con quel più amore
che può mostrar, gli dice: – Non ti gravi
d’aprirmi la cagion del tuo dolore;
che pochi mali al mondo son sì pravi,
che l’uomo trar non se ne possa fuore,
se la cagion si sa; né debbe privo
di speranza esser mai, fin che sia vivo.

31
Ben mi duol che celar t’abbi voluto
da me, che sai s’io ti son vero amico,
non sol dipoi ch’io ti son sì tenuto,
che mai dal nodo tuo non mi districo,
ma fin allora ch’avrei causa avuto
d’esserti sempre capital nimico;
e dèi sperar ch’io sia per darti aita
con l’aver, con gli amici e con la vita.

32
Di meco conferir non ti rincresca
il tuo dolore, e lasciami far prova,
se forza, se lusinga, acciò tu n’esca,
se gran tesor, s’arte, s’astuzia giova.
Poi, quando l’opra mia non ti riesca,
la morte sia ch’al fin te ne rimuova:
ma non voler venir prima a quest’atto,
che ciò che si può far, non abbi fatto. –

33
E seguitò con sì efficaci prieghi,
e con parlar sì umano e sì benigno,
che non può far Ruggier che non si pieghi;
che né di ferro ha il cor né di macigno,
e vede, quando la risposta nieghi,
che farà discortese atto e maligno.
Risponde; ma due volte o tre s’incocca
prima il parlar, ch’uscir voglia di bocca.

34
– Signor mio (disse al fin), quando saprai
colui ch’io son (che son per dirtel ora),
mi rendo certo che di me sarai
non men contento, e forse più, ch’io muora.
Sappi ch’io son colui che sì in odio hai:
io son Ruggier ch’ebbi te in odio ancora;
e che con intenzion di porti a morte,
già son più giorni, usci’ di questa corte;

35
acciò per te non mi vedessi tolta
Bradamante, sentendo esser d’Amone
la voluntade a tuo favor rivolta.
Ma perché ordina l’uomo, e Dio dispone,
venne il bisogno ove mi fe’ la molta
tua cortesia mutar d’opinione;
e non pur l’odio ch’io t’avea, deposi,
ma fe’ ch’esser tuo sempre io mi disposi.

36
Tu mi pregasti, non sapendo ch’io
fossi Ruggier, ch’io ti facessi avere
la donna; ch’altretanto saria il mio
cor fuor del corpo, o l’anima volere.
Se sodisfar più tosto al tuo disio,
ch’al mio, ho voluto, t’ho fatto vedere.
Tua fatta è Bradamante; abbila in pace:
molto più che ‘l mio bene, il tuo mi piace.

37
Piaccia a te ancora, se privo di lei
mi son, ch’insieme io sia di vita privo;
che più tosto senz’anima potrei,
che senza Bradamante restar vivo.
Appresso, per averla tu non sei
mai legitimamente, fin ch’io vivo:
che tra noi sposalizio è già contratto,
né duo mariti ella può avere a un tratto. –

38
Riman Leon sì pien di maraviglia,
quando Ruggiero esser costui gli è noto,
che senza muover bocca o batter ciglia
o mutar piè, come una statua, è immoto:
a statua, più ch’ad uomo, s’assimiglia,
che ne le chiese alcun metta per voto.
Ben sì gran cortesia questa gli pare,
che non ha avuto e non avrà mai pare.

39
E conosciutol per Ruggier, non solo
non scema il ben che gli voleva pria;
ma sì l’accresce, che non men del duolo
di Ruggiero egli, che Ruggier, patia.
Per questo, e per mostrarsi che figliuolo
d’imperator meritamente sia,
non vuol, se ben nel resto a Ruggier cede,
ch’in cortesia gli metta inanzi il piede.

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web