Footer menù

Testo del canto 46 (XLVI) del poema Orlando Furioso

90
Poi cardinale appar, ma giovinetto,
sedere in Vaticano a consistoro,
e con facondia aprir l’alto intelletto,
e far di sé stupir tutto quel coro.
– Qual fia dunque costui d’età perfetto?
(parean con maraviglia dir tra loro).
Oh se di Pietro mai gli tocca il manto,
che fortunata età! che secol santo! –

91
In altra parte i liberali spassi
erano e i giuochi del giovene illustre.
Or gli orsi affronta sugli alpini sassi,
ora i cingiali in valle ima e palustre:
or s’un gianetto par che ‘l vento passi,
seguendo o caprio o cerva multilustre,
che giunta par che bipartita cada
in parti uguali a un sol colpo di spada.

92
Di filosofi altrove e di poeti
si vede in mezzo un’onorata squadra.
Quel gli dipinge il corso de’ pianeti,
questi la terra, quello il ciel gli squadra:
questi meste elegie, quel versi lieti,
quel canta eroici, o qualche oda leggiadra.
Musici ascolta, e vari suoni altrove;
né senza somma grazia un passo muove.

93
In questa prima parte era dipinta
del sublime garzon la puerizia.
Cassandra l’altra avea tutta distinta
di gesti di prudenza, di iustizia,
di valor, di modestia, e de la quinta
che tien con lor strettissima amicizia,
dico de la virtù che dona e spende;
de le qual tutte illuminato splende.

94
In questa parte il giovene si vede
col duca sfortunato degl’Insubri,
ch’ora in pace a consiglio con lui siede,
or armato con lui spiega i colubri;
e sempre par d’una medesma fede,
o ne’ felici tempi o nei lugubri:
ne la fuga lo segue, lo conforta
ne l’afflizion, gli è nel periglio scorta.

95
Si vede altrove a gran pensieri intento
per salute d’Alfonso e di Ferrara;
che va cercando per strano argumento,
e trova, e fa veder per cosa chiara
al giustissimo frate il tradimento
che gli usa la famiglia sua più cara:
e per questo si fa del nome erede,
che Roma a Ciceron libera diede.

96
Vedesi altrove in arme relucente,
ch’ad aiutar la Chiesa in fretta corre;
e con tumultuaria e poca gente
a un esercito istrutto si va opporre;
e solo il ritrovarsi egli presente
tanto agli Ecclesiastici soccorre,
che ‘l fuoco estingue pria ch’arder comince:
sì che può dir, che viene e vede e vince.

97
Vedesi altrove da la patria riva
pugnar incontra la più forte armata,
che contra Turchi o contra gente argiva
da’ Veneziani mai fosse mandata:
la rompe e vince, ed al fratel captiva
con la gran preda l’ha tutta donata;
né per sé vedi altro serbarsi lui,
che l’onor sol, che non può dare altrui.

98
Le donne e i cavallier mirano fisi,
senza trarne costrutto, le figure;
perché non hanno appresso che gli avvisi
che tutte quelle sien cose future.
Prendon piacere a riguardare i visi
belli e ben fatti, e legger le scritture.
Sol Bradamante da Melissa istrutta
gode tra sé; che sa l’istoria tutta.

99
Ruggiero, ancor ch’a par di Bradamante
non ne sia dotto, pur gli torna a mente
che fra i nipoti suoi gli solea Atlante
commendar questo Ippolito sovente.
Chi potria in versi a pieno dir le tante
cortesie che fa Carlo ad ogni gente?
Di vari giochi è sempre festa grande,
e la mensa ognor piena di vivande.

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web