Footer menù

Testo del canto 45 (XLV) del poema Orlando Furioso

20
La femina crudel lo fece porre,
incatenato e mani e piedi e collo,
nel tenebroso fondo d’una torre,
ove mai non entrò raggio d’Apollo.
Fuor ch’un poco di pan muffato, torre
gli fe’ ogni cibo, e senza ancor lassollo
duo dì talora; e lo diè in guardia a tale,
ch’era di lei più pronto a fargli male.

21
Oh! se d’Amon la valorosa e bella
figlia, oh se la magnanima Marfisa
avesse avuto di Ruggier novella,
ch’in prigion tormentasse a questa guisa;
per liberarlo saria questa e quella
postasi al rischio di restarne uccisa;
né Bradamante avria, per dargli aiuto,
a Beatrice o Amon rispetto avuto.

22
Re Carlo intanto avendo la promessa
a costei fatta in mente, che consorte
dar non le lascierà, che sia men d’essa
al paragon de l’arme ardito e forte;
questa sua voluntà con trombe espressa
non solamente fe’ ne la sua corte,
ma in ogni terra al suo imperio soggetta;
onde la fama andò pel mondo in fretta.

23
Questa condizion contiene il bando:
chi la figlia d’Amon per moglie vuole,
star con lei debba a paragon del brando
da l’apparire al tramontar del sole;
e fin a questo termine durando,
e non sia vinto, senz’altre parole
la donna da lui vinta esser s’intenda,
né possa ella negar che non lo prenda;

24
e che l’eletta ella de l’arme dona,
senza mirar chi sia di lor, che chiede.
E lo potea ben far, perch’era buona
con tutte l’arme, o sia a cavallo o a piede.
Amon, che contrastar con la Corona
non può né vuole, al fin sforzato cede;
e ritornare a corte si consiglia,
dopo molti discorsi, egli e la figlia.

25
Ancor che sdegno e colera la madre
contra la figlia avea, pur per suo onore
vesti le fece far ricche e leggiadre
a varie fogge e di più d’un colore.
Bradamante alla corte andò col padre;
e quando quivi non trovò il suo amore,
più non le parve quella corte, quella
che le solea parer già così bella.

26
Come chi visto abbia, l’aprile o il maggio,
giardin di frondi e di bei fiori adorno,
e lo rivegga poi che ‘l sol il raggio
all’austro inchina, e lascia breve il giorno,
lo trova deserto, orrido e selvaggio;
così pare alla donna al suo ritorno,
che da Ruggier la corte abandonata
quella non sia, ch’avea al partir lasciata.

27
Domandar non ardisce che ne sia,
acciò di sé non dia maggior sospetto;
ma pon l’orecchia, e cerca tuttavia
che senza domandar le ne sia detto.
Si sa ch’egli è partito, ma che via
pres’abbia, non fa alcun vero concetto;
perché partendo ad altri non fe’ motto,
ch’allo scudier che seco avea condotto.

28
Oh come ella sospira! oh come teme,
sentendo che se n’è come fuggito!
Oh come sopra ogni timor le preme,
che per porla in oblio se ne sia gito!
che vistosi Amon contra, ed ogni speme
perduta mai più d’esserle marito,
si sia fatto da lei lontano, forse
così sperando dal suo amor disciorse;

29
e che fatt’abbia ancor qualche disegno,
per più tosto levarsela dal core,
d’andar cercando d’uno in altro regno
donna per cui si scordi il primo amore,
come si dice che si suol d’un legno
talor chiodo con chiodo cacciar fuore.
Nuovo pensier ch’a questo poi succede,
le dipinge Ruggier pieno di fede;

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web