Footer menù

Testo del canto 44 (XLIV) del poema Orlando Furioso

40
Né negar, né mostrarsene contenta
s’ardisce; e sol sospira, e non risponde:
poi quando è in luogo ch’altri non la senta,
versan lacrime gli occhi a guisa d’onde;
e parte del dolor che la tormenta,
sentir fa al petto ed alle chiome bionde,
che l’un percuote, e l’altro straccia e frange;
e così parla, e così seco piange:

41
– Ahimè ! vorrò quel che non vuol chi deve
poter del voler mio più che poss’io?
Il voler di mia madre avrò in sì lieve
stima, ch’io lo posponga al voler mio?
Deh! qual peccato puote esser sì grieve
a una donzella, qual biasmo sì rio,
come questo sarà, se, non volendo
chi sempre ho da ubbidir, marito prendo?

42
Avrà, misera me! dunque possanza
la materna pietà, ch’io t’abandoni,
o mio Ruggiero, e ch’a nuova speranza,
a desir nuovo, a nuovo amor mi doni?
O pur la riverenza e l’osservanza
ch’ai buoni padri denno i figli buoni,
porrò da parte, e solo avrò rispetto
al mio bene, al mio gaudio, al mio diletto?

43
So quanto, ahi lassa! debbo far, so quanto
di buona figlia al debito conviensi;
io ‘l so: ma che mi val, se non può tanto
la ragion, che non possino più i sensi?
s’Amor la caccia e la far star da canto,
né lassa ch’io disponga, né ch’io pensi
di me dispor, se non quanto a lui piaccia,
e sol, quanto egli detti, io dica e faccia?

44
Figlia d’Amone e di Beatrice sono,
e son, misera me! serva d’Amore.
Dai genitori miei trovar perdono
spero e pietà, s’io caderò in errore:
ma s’io offenderò Amor, chi sarà buono
a schivarmi con prieghi il suo furore,
che sol voglia una di mie scuse udire,
e non mi faccia subito morire?

45
Ohimè! con lunga ed ostinata prova
ho cercato Ruggier trarre alla fede;
ed hollo tratto al fin: ma che mi giova,
se ‘l mio ben fare in util d’altri cede?
Così, ma non per sé, l’ape rinuova
il mele ogni anno, e mai non lo possiede.
Ma vo’ prima morir, che mai sia vero,
ch’io pigli altro marito, che Ruggiero.

46
S’io non sarò al mio padre ubbidiente,
né alla mia madre, io sarò al mio fratello,
che molto e molto è più di lor prudente,
né gli ha la troppa età tolto il cervello.
E a questo che Rinaldo vuol, consente
Orlando ancora; e per me ho questo e quello:
li quali duo più onora il mondo e teme,
che l’altra nostra gente tutta insieme.

47
Se questi il fior, se questi ognuno stima
la gloria e lo splendor di Chiaramonte;
se sopra gli altri ognun gli alza e sublima
più che non è del piede alta la fronte;
perché debbo voler che di me prima
Amon disponga, che Rinaldo e ‘l conte?
Voler nol debbo, tanto men, che messa
in dubbio al Greco, e a Ruggier fui promessa. –

48
Se la donna s’affligge e si tormenta,
né di Ruggier la mente è più quieta;
ch’ancor che di ciò nuova non si senta
per la città, pur non è a lui segreta.
Seco di sua fortuna si lamenta,
la qual fruir tanto suo ben gli vieta,
poi che ricchezze non gli ha date e regni,
di che è stata sì larga a mille indegni.

49
Di tutti gli altri beni, o che concede
Natura al mondo, o proprio studio acquista,
aver tanta e tal parte egli si vede,
qual e quanta altri aver mai s’abbia vista;
ch’a sua bellezza ogni bellezza cede,
ch’a sua possanza è raro chi resista:
di magnanimità, di splendor regio
a nessun, più ch’a lui, si debbe il pregio.

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web