Footer menù

Testo del canto 43 (XLIII) del poema Orlando Furioso

70
Dovea in memoria avere il signor mio,
che l’oro e ‘l premio ogni durezza inchina;
ma, quando bisognò, l’ebbe in oblio,
ed ei si procacciò la sua ruina.
Così sapea lo esempio egli, com’io,
che fu in questa città di qui vicina,
sua patria e mia, che ‘l lago e la palude
del rifrenato Menzo intorno chiude:

71
d’Adonio voglio dir, che ‘l ricco dono
fe’ alla moglie del giudice, d’un cane. –
– Di questo (disse il paladino) il suono
non passa l’Alpe, e qui tra voi rimane;
perché né in Francia, né dove ito sono,
parlar n’udi’ ne le contrade estrane:
sì che dì pur, se non t’incresce il dire;
che volentieri io mi t’acconcio a udire. –

72
Il nocchier cominciò: – Già fu di questa
terra un Anselmo di famiglia degna,
che la sua gioventù con lunga vesta
spese in saper ciò ch’Ulpiano insegna
e di nobil progenie, bella e onesta
moglie cercò, ch’al grado suo convegna;
e d’una terra quindi non lontana
n’ebbe una di bellezza sopraumana;

73
e di bei modi e tanto graziosi,
che parea tutto amore e leggiadria;
e di molto più forse, ch’ai riposi,
ch’allo stato di lui non convenia.
Tosto che l’ebbe, quanti mai gelosi
al mondo fur, passò di gelosia:
non già ch’altra cagion gli ne desse ella,
che d’esser troppo accorta e troppo bella.

74
Ne la città medesma un cavalliero
era d’antiqua e d’onorata gente,
che discendea da quel lignaggio altiero
ch’uscì d’una mascella di serpente,
onde già Manto, e chi con essa fero
la patria mia, disceser similmente.
Il cavallier, ch’Adonio nominosse,
di questa bella donna inamorosse.

75
E per venire a fin di questo amore,
a spender cominciò senza ritegno
in vestire, in conviti, in farsi onore,
quanto può farsi un cavallier più degno.
Il tesor di Tiberio imperatore
non saria stato a tante spese al segno.
Io credo ben che non passar duo verni,
ch’egli uscì fuor di tutti i ben paterni.

76
La casa ch’era dianzi frequentata
matina e sera tanto dagli amici,
sola restò, tosto che fu privata
di starne, di fagian, di coturnici.
Egli che capo fu de la brigata,
rimase dietro, e quasi fra mendici.
Pensò, poi ch’in miseria era venuto,
d’andare ove non fosse conosciuto.

77
Con questa intenzione una mattina,
senza far motto altrui, la patria lascia;
e con sospiri e lacrime camina
lungo lo stagno che le mura fascia.
La donna che del cor gli era regina,
già non oblia per la seconda ambascia.
Ecco un’alta aventura che lo viene
di sommo male a porre in sommo bene.

78
Vede un villan che con un gran bastone
intorno alcuni sterpi s’affatica.
Quivi Adonio si ferma, e la cagione
di tanto travagliar vuol che gli dica.
Disse il villan, che dentro a quel macchione
veduto avea una serpe molto antica,
di che più lunga e grossa a’ giorni suoi
non vide, né credea mai veder poi;

79
e che non si voleva indi partire,
che non l’avesse ritrovata e morta.
Come Adonio lo sente così dire,
con poca pazienza lo sopporta.
Sempre solea le serpi favorire;
che per insegna il sangue suo le porta
in memoria ch’uscì sua prima gente
de’ denti seminati di serpente.

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web