Footer menù

Testo del canto 43 (XLIII) del poema Orlando Furioso

30
L’offerta accetto; il vaso ella mi dona:
ne fo la prova, e mi succede a punto;
che, com’era il disio, pudica e buona
la cara moglie mia trovo a quel punto.
Dice Melissa: – Un poco l’abbandona;
per un mese o per duo stanne disgiunto:
poi torna; poi di nuovo il vaso tolli;
prova se bevi, o pur se ‘l petto immolli. –

31
A me duro parea pur di partire;
non perché di sua fe’ sì dubitassi,
come ch’io non potea duo dì patire,
né un’ora pur, che senza me restassi.
Disse Melissa: – Io ti farò venire
a conoscere il ver con altri passi.
Vo’ che muti il parlare e i vestimenti,
e sotto viso altrui te l’appresenti. –

32
Signor, qui presso una città difende
il Po fra minacciose e fiere corna;
la cui iuridizion di qui si stende
fin dove il mar fugge dal lito e torna.
Cede d’antiquità, ma ben contende
con le vicine in esser ricca e adorna.
Le reliquie troiane la fondaro,
che dal flagello d’Attila camparo.

33
Astringe e lenta a questa terra il morso
un cavallier giovene, ricco e bello,
che dietro un giorno a un suo falcone iscorso,
essendo capitato entro il mio ostello,
vide la donna, e sì nel primo occorso
gli piacque, che nel cor portò il suggello;
né cessò molte pratiche far poi,
per inchinarla ai desideri suoi.

34
Ella gli fece dar tante repulse,
che più tentarla al fine egli non volse;
ma la beltà di lei, ch’Amor vi sculse,
di memoria però non se gli tolse.
Tanto Melissa allosingommi e mulse,
ch’a tor la forma di colui mi volse;
e mi mutò (né so ben dirti come)
di faccia, di parlar, d’occhi e di chiome.

35
Già con mia moglie avendo simulato
d’esser partito e gitone in Levante,
nel giovene amator così mutato
l’andar, la voce, l’abito e ‘l sembiante,
me ne ritorno, ed ho Melissa a lato,
che s’era trasformata, e parea un fante;
e le più ricche gemme avea con lei,
che mai mandassin gl’Indi o gli Eritrei.

36
Io che l’uso sapea del mio palagio,
entro sicuro e vien Melissa meco;
e madonna ritrovo a sì grande agio,
che non ha né scudier né donna seco.
I miei prieghi le espongo, indi il malvagio
stimulo inanzi del mal far le arreco:
i rubini, i diamanti e gli smeraldi,
che mosso arebbon tutti i cor più saldi.

37
E le dico che poco è questo dono
verso quel che sperar da me dovea:
de la commodità poi le ragiono,
che, non v’essendo il suo marito, avea:
e le ricordo che gran tempo sono
stato suo amante, com’ella sapea;
e che l’amar mio lei con tanta fede
degno era avere al fin qualche mercede.

38
Turbossi nel principio ella non poco,
divenne rossa, ed ascoltar non volle;
ma il veder fiammeggiar poi, come fuoco,
le belle gemme, il duro cor fe’ molle:
e con parlar rispose breve e fioco,
quel che la vita a rimembrar mi tolle;
che mi compiaceria, quando credesse
ch’altra persona mai nol risapesse.

39
Fu tal risposta un venenato telo
di che me ne senti’ l’alma traffissa:
per l’ossa andommi e per le vene un gelo;
ne le fauci restò la voce fissa.
Levando allora del suo incanto il velo,
ne la mia forma mi tornò Melissa.
Pensa di che color dovesse farsi,
ch’in tanto error da me vide trovarsi.

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web