Footer menù

Testo del canto 42 (XLII) del poema Orlando Furioso

Parafrasi del canto XLII del poema Orlando Furioso

1
Qual duro freno o qual ferrigno nodo,
qual, s’esser può, catena di diamante
farà che l’ira servi ordine e modo,
che non trascorra oltre al prescritto inante,
quando persona che con saldo chiodo
t’abbia già fissa Amor nel cor costante,
tu vegga o per violenza o per inganno
patire o disonore o mortal danno?

2
E s’a crudel, s’ad inumano effetto
quell’impeto talor l’animo svia,
merita escusa, perché allor del petto
non ha ragione imperio né balìa.
Achille, poi che sotto il falso elmetto
vide Patròclo insanguinar la via,
d’uccider chi l’uccise non fu sazio,
se nol traea, se non ne facea strazio.

3
Invitto Alfonso, simile ira accese
la vostra gente il dì che vi percosse
la fronte il grave sasso, e sì v’offese,
ch’ognun pensò che l’alma gita fosse:
l’accese in tal furor, che non difese
vostri inimici argini o mura o fosse,
che non fossino insieme tutti morti,
senza lasciar chi la novella porti.

4
Il vedervi cader causò il dolore
che i vostri a furor mosse e a crudeltade.
S’eravate in piè voi, forse minore
licenza avriano avute le lor spade.
Eravi assai, che la Bastia in manche ore
v’aveste ritornata in potestade,
che tolta in giorni a voi non era stata
da gente cordovese e di Granata.

5
Forse fu da Dio vindice permesso
che vi trovaste a quel caso impedito,
acciò che ‘l crudo e scelerato eccesso
che dianzi fatto avean, fosse punito:
che, poi ch’in lor man vinto si fu messo
il miser Vestidel, lasso e ferito,
senz’arme fu tra cento spade ucciso
dal popul la più parte circonciso.

6
Ma perch’io vo’ concludere, vi dico
che nessun’altra quell’ira pareggia,
quando signor, parente, o sozio antico
dinanzi agli occhi ingiuriar ti veggia.
Dunque è ben dritto per sì caro amico,
che subit’ira il cor d’Orlando feggia;
che de l’orribil colpo che gli diede
il re Gradasso, morto in terra il vede.

7
Quel nomade pastor che vedut’abbia
fuggir strisciando l’orrido serpente
che il figliuol che giocava ne la sabbia,
ucciso gli ha col venenoso dente,
stringe il baston con colera e con rabbia;
tal la spada d’ogni altra più tagliente
stringe con ira il cavallier d’Anglante:
il primo che trovò, fu ‘l re Agramante;

8
che sanguinoso e de la spada privo,
con mezzo scudo e con l’elmo disciolto,
e ferito in più parti ch’io non scrivo,
s’era di man di Brandimarte tolto,
come di piè all’astor sparvier mal vivo,
a cui lasciò alla coda invido o stolto.
Orlando giunse, e messe il colpo giusto
ove il capo si termina col busto.

9
Sciolto era l’elmo e disarmato il collo,
sì che lo tagliò netto come un giunco.
Cadde, e diè nel sabbion l’ultimo crollo
del regnator di Libia il grave trunco.
Corse lo spirto all’acque, onde tirollo
Caron nel legno suo col graffio adunco.
Orlando sopra lui non si ritarda,
ma trova il Serican con Balisarda.

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore visite gratis
Segui la nostra pagina Facebook : se orlandofurioso.com ti è piaciuto, condividi l'esperienza!