Footer menù

Testo del canto 37 (XXXVII) del poema Orlando Furioso

60
Simula il viso pace; ma vendetta
chiama il cor dentro, e ad altro non attende.
Molte cose rivolge, alcune accetta,
altre ne lascia, ed altre in dubbio appende.
Le par che quando essa a morir si metta,
avrà il suo intento; e quivi al fin s’apprende.
E dove meglio può morire, o quando,
che ‘l suo caro marito vendicando?

61
Ella si mostra tutta lieta, e finge
di queste nozze aver sommo disio;
e ciò che può indugiarle, a dietro spinge,
non ch’ella mostri averne il cor restio.
Più de l’altre s’adorna e si dipinge:
Olindro al tutto par messo in oblio.
Ma che sian fatte queste nozze vuole,
come ne la sua patria far si suole.

62
Non era però ver che questa usanza
che dir volea, ne la sua patria fosse:
ma, perché in lei pensier mai non avanza,
che spender possa altrove, imaginosse
una bugia, la qual le diè speranza
di far morir chi ‘l suo signor percosse:
e disse di voler le nozze a guisa
de la sua patria, e ‘l modo gli devisa.

63
– La vedovella che marito prende,
deve, prima (dicea) ch’a lui s’appresse,
placar l’alma del morto ch’ella offende,
facendo celebrargli offici e messe,
in remission de le passate mende,
nel tempio ove di quel son l’ossa messe;
e dato fin ch’al sacrificio sia,
alla sposa l’annel lo sposo dia:

64
ma ch’abbia in questo mezzo il sacerdote
sul vino ivi portato a tale effetto
appropriate orazion devote,
sempre il liquor benedicendo, detto;
indi che ‘l fiasco in una coppa vote,
e dia alli sposi il vino benedetto:
ma portare alla sposa il vino tocca,
ed esser prima a porvi su la bocca. –

65
Tanacro, che non mira quanto importe
ch’ella le nozze alla sua usanza faccia,
le dice: – Pur che ‘l termine si scorte
d’essere insieme, in questo si compiaccia. –
Né s’avede il meschin ch’essa la morte
d’Olindro vendicar così procaccia,
e sì la voglia ha in uno oggetto intensa,
che sol di quello, e mai d’altro non pensa.

66
Avea seco Drusilla una sua vecchia,
che seco presa, seco era rimasa.
A sé chiamolla, e le disse all’orecchia,
sì che non poté udire uomo di casa:
– Un subitano tosco m’apparecchia,
qual so che sai comporre, e me lo invasa;
c’ho trovato la via di vita torre
il traditor figliuol di Marganorre.

67
E me so come, e te salvar non meno:
ma diferisco a dirtelo più ad agio. –
Andò la vecchia, e apparecchiò il veneno,
ed acconciollo, e ritornò al palagio.
Di vin dolce di Candia un fiasco pieno
trovò da por con quel succo malvagio,
e lo serbò pel giorno de le nozze;
ch’omai tutte l’indugie erano mozze.

68
Lo statuito giorno al tempio venne,
di gemme ornata e di leggiadre gonne,
ove d’Olindro, come gli convenne,
fatto avea l’arca alzar su due colonne.
Quivi l’officio si cantò solenne:
trasseno a udirlo tutti, uomini e donne,
e lieto Marganor più de l’usato,
venne col figlio e con gli amici a lato.

69
Tosto ch’al fin le sante esequie foro,
e fu col tosco il vino benedetto,
il sacerdote in una coppa d’oro
lo versò, come avea Drusilla detto.
Ella ne bebbe quanto al suo decoro
si conveniva, e potea far l’effetto:
poi diè allo sposo con viso giocondo
il nappo; e quel gli fe’ apparire il fondo.

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web