Footer menù

Testo del canto 37 (XXXVII) del poema Orlando Furioso

10
sì che non è per mai trovarsi stanco
di farvi onor nei suoi vivaci carmi:
e s’altri vi dà biasmo, non è ch’anco
sia più pronto di lui per pigliar l’armi:
e non ha il mondo cavallier che manco
la vita sua per la virtù rispiarmi.
Dà insieme egli materia ond’altri scriva,
e fa la gloria altrui, scrivendo, viva.

11
Ed è ben degno che sì ricca donna,
ricca di tutto quel valor che possa
esser fra quante al mondo portin gonna,
mai non si sia di sua costanza mossa;
e sia stata per lui vera colonna,
sprezzando di Fortuna ogni percossa:
di lei degno egli, e degna ella di lui;
né meglio s’accoppiaro unque altri dui.

12
Nuovi trofei pon su la riva d’Oglio;
ch’in mezzo a ferri, a fuochi, a navi, a ruote
ha sparso alcun tanto ben scritto foglio,
che ‘l vicin fiume invidia aver gli puote.
Appresso a questo un Ercol Bentivoglio
fa chiaro il vostro onor con chiare note,
e Renato Trivulcio, e ‘l mio Guidetto,
e ‘l Molza, a dir di voi da Febo eletto.

13
C’è ‘l duca de’ Carnuti Ercol, figliuolo
del duca mio, che spiega l’ali come
canoro cigno, e va cantando a volo,
e fin al cielo udir fa il vostro nome.
C’è il mio signor del Vasto, a cui non solo
di dare a mille Atene e a mille Rome
di sé materia basta, ch’anco accenna
volervi eterne far con la sua penna.

14
Ed oltre a questi ed altri ch’oggi avete,
che v’hanno dato gloria e ve la danno,
voi per voi stesse dar ve la potete;
poi che molte, lasciando l’ago e ‘l panno,
son con le Muse a spegnersi la sete
al fonte d’Aganippe andate, e vanno;
e ne ritornan tai, che l’opra vostra
è più bisogno a noi, ch’a voi la nostra.

15
Se chi sian queste, e di ciascuna voglio
render buon conto, e degno pregio darle,
bisognerà ch’io verghi più d’un foglio,
e ch’oggi il canto mio d’altro non parle:
e s’a lodarne cinque o sei ne toglio,
io potrei l’altre offendere e sdegnarle.
Che farò dunque? Ho da tacer d’ognuna,
o pur fra tante sceglierne sol una?

16
Sceglieronne una; e sceglierolla tale,
che superato avrà l’invidia in modo,
che nessun’altra potrà avere a male,
se l’altre taccio, e se lei sola lodo.
Quest’una ha non pur sé fatta immortale
col dolce stil di che il meglior non odo;
ma può qualunque di cui parli o scriva,
trar del sepolcro, e far ch’eterno viva.

17
Come Febo la candida sorella
fa più di luce adorna, e più la mira,
che Venere o che Maia o ch’altra stella
che va col cielo o che da sé si gira:
così facundia, più ch’all’altre, a quella
di ch’io vi parlo, e più dolcezza spira;
e dà tal forza all’alte sue parole,
ch’orna a’ dì nostri il ciel d’un altro sole.

18
Vittoria è ‘l nome; e ben conviensi a nata
fra le vittorie, ed a chi, o vada o stanzi,
di trofei sempre e di trionfi ornata,
la vittoria abbia seco, o dietro o inanzi.
Questa è un’altra Artemisia, che lodata
fu di pietà verso il suo Mausolo; anzi
tanto maggior, quanto è più assai bell’opra,
che por sotterra un uom, trarlo di sopra.

19
Se Laodamìa se la moglier di Bruto,
s’Arria, s’Argia, s’Evadne, e s’altre molte
meritar laude per aver voluto,
morti i mariti, esser con lor sepolte;
quanto onore a Vittoria è più dovuto,
che di Lete e del rio che nove volte
l’ombre circonda, ha tratto il suo consorte,
mal grado de le Parche e de la Morte!

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web