Footer menù

Testo del canto 34 (XXXIV) del poema Orlando Furioso

10
E se vuoi che di te porti novella
nel mondo su, per satisfarti sono. –
L’ombra rispose: – Alla luce alma e bella
tornar per fama ancor sì mi par buono,
che le parole è forza che mi svella
il gran desir c’ho d’aver poi tal dono,
e che ‘l mio nome e l’esser mio ti dica,
ben che ‘l parlar mi sia noia e fatica. –

11
E cominciò: – Signor, Lidia sono io,
del re di Lidia in grande altezza nata,
qui dal giudicio altissimo di Dio
al fumo eternamente condannata,
per esser stata al fido amante mio,
mentre io vissi, spiacevole ed ingrata.
D’altre infinite è questa grotta piena,
poste per simil fallo in simil pena.

12
Sta la cruda Anassarete più al basso,
ove è maggiore il fumo e più martire.
Restò converso al mondo il corpo in sasso
e l’anima qua giù venne a patire,
poi che veder per lei l’afflitto e lasso
suo amante appeso poté sofferire.
Qui presso è Dafne, ch’or s’avvede quanto
errasse a fare Apollo correr tanto.

13
Lungo saria se gl’infelici spirti
de le femine ingrate, che qui stanno,
volesse ad uno ad uno riferirti;
che tanti son, ch’in infinito vanno.
Più lungo ancor saria gli uomini dirti,
a’ quai l’essere ingrato ha fatto danno,
e che puniti sono in peggior loco,
ove il fumo gli accieca, e cuoce il fuoco.

14
Perché le donne più facili e prone
a creder son, di più supplicio è degno
chi lor fa inganno. Il sa Teseo e Iasone
e chi turbò a Latin l’antiquo regno;
sallo ch’incontra sé il frate Absalone
per Tamar trasse a sanguinoso sdegno;
ed altri ed altre: che sono infiniti,
che lasciato han chi moglie e chi mariti.

15
Ma per narrar di me più che d’altrui,
e palesar l’error che qui mi trasse,
bella, ma altiera più, sì in vita fui,
che non so s’altra mai mi s’aguagliasse:
né ti saprei ben dir, di questi dui,
s’in me l’orgoglio o la beltà avanzasse;
quantunque il fasto o l’alterezza nacque
da la beltà ch’a tutti gli occhi piacque.

16
Era in quel tempo in Tracia un cavalliero
estimato il miglior del mondo in arme,
il qual da più d’un testimonio vero
di singular beltà sentì lodarme;
tal che spontaneamente fe’ pensiero
di volere il suo amor tutto donarme,
stimando meritar per suo valore,
che caro aver di lui dovessi il core.

17
In Lidia venne; e d’un laccio più forte
vinto restò, poi che veduta m’ebbe.
Con gli altri cavallier si messe in corte
del padre mio, dove in gran fama crebbe.
L’alto valore e le più d’una sorte
prodezze che mostrò, lungo sarebbe
a raccontarti, e il suo merto infinito,
quando egli avesse a più grato uom servito.

18
Panfilia e Caria e il regno de’ Cilici
per opra di costui mio padre vinse;
che l’esercito mai contra i nimici,
se non quanto volea costui, non spinse.
Costui, poi che gli parve i benefici
suoi meritarlo, un dì col re si strinse
a domandargli in premio de le spoglie
tante arrecate, ch’io fossi sua moglie.

19
Fu repulso dal re, ch’in grande stato
maritar disegnava la figliuola,
non a costui che cavallier privato
altro non tien che la virtude sola:
e ‘l padre mio troppo al guadagno dato,
e all’avarizia, d’ogni vizio scuola,
tanto apprezza costumi, o virtù ammira,
quanto l’asino fa il suon de la lira.

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web
Segui la nostra pagina Facebook : se orlandofurioso.com ti è piaciuto, condividi l'esperienza!