Footer menù

Testo del canto 33 (XXXIII) del poema Orlando Furioso

40
Di qua la Francia, e di là il campo ingrossa
la gente ispana; e la battaglia è grande.
Cader si vede e far la terra rossa
la gente d’arme in amendua le bande.
Piena di sangue uman pare ogni fossa:
Marte sta in dubbio u’ la vittoria mande.
Per virtù d’un Alfonso al fin si vede
che resta il Franco, e che l’Ispano cede,

41
e che Ravenna saccheggiata resta.
Si morde il papa per dolor le labbia,
e fa da’ monti, a guisa di tempesta,
scendere in fretta una tedesca rabbia,
ch’ogni Francese, senza mai far testa,
di qua da l’Alpe par che cacciat’abbia,
e che posto un rampollo abbia del Moro
nel giardino onde svelse i Gigli d’oro.

42
Ecco torna il Francese: eccolo rotto
da l’infedele Elvezio ch’in suo aiuto
con troppo rischio ha il giovine condotto,
del quale il padre avea preso e venduto.
Vedete poi l’esercito, che sotto
la ruota di Fortuna era caduto,
creato il novo re, che si prepara
de l’onta vendicar ch’ebbe a Novara:

43
e con migliore auspizio ecco ritorna.
Vedete il re Francesco inanzi a tutti,
che così rompe a’ Svizzeri le corna,
che poco resta a non gli aver distrutti:
sì che ‘l titolo mai più non gli adorna,
ch’usurpato s’avran quei villan brutti,
che domator de’ principi, e difesa
si nomeran de la cristiana Chiesa.

44
Ecco, mal grado de la lega, prende
Milano, e accorda il giovene Sforzesco.
Ecco Borbon che la città difende
pel re di Francia dal furor tedesco.
Eccovi poi, che mentre altrove attende
ad altre magne imprese il re Francesco,
né sa quanta superbia e crudeltade
usino i suoi, gli è tolta la cittade.

45
Ecco un altro Francesco ch’assimiglia
di virtù all’avo, e non di nome solo;
che, fatto uscirne i Galli, si ripiglia
col favor de la Chiesa il patrio suolo.
Francia anco torna, ma ritien la briglia,
né scorre Italia, come suole, a volo;
che ‘l bon duca di Mantua sul Ticino
le chiude il passo, e le taglia il camino.

46
Federico, ch’ancor non ha la guancia
de’ primi fiori sparsa, si fa degno
di gloria eterna, ch’abbia con la lancia,
ma più con diligenza e con ingegno,
Pavia difesa dal furor di Francia,
e del Leon del mar rotto il disegno.
Vedete duo marchesi, ambi terrore
di nostre genti, ambi d’Italia onore;

47
ambi d’un sangue, ambi in un nido nati.
Di quel marchese Alfonso il primo è figlio,
il qual tratto dal Negro negli aguati,
vedeste il terren far di sé vermiglio.
Vedete quante volte son cacciati
d’Italia i Franchi pel costui consiglio.
L’altro di sì benigno e lieto aspetto
il Vasto signoreggia, e Alfonso è detto.

48
– Questo è il buon cavallier, di cui dicea,
quando l’isola d’Ischia vi mostrai,
che già profetizzando detto avea
Merlino a Fieramonte cose assai:
che diferire a nascere dovea
nel tempo che d’aiuto più che mai
l’afflitta Italia, la Chiesa e l’Impero
contra ai barbari insulti avria mistiero.

49
Costui dietro al cugin suo di Pescara
con l’auspicio di Prosper Colonnese,
vedete come la Bicocca cara
fa parere all’Elvezio e più al Francese.
Ecco di nuovo Francia si prepara
di ristaurar le mal successe imprese:
scende il re con un campo in Lombardia,
un altro per pigliar Napoli invia.

Comments are closed.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web