Footer menù

Testo del canto 33 (XXXIII) del poema Orlando Furioso

120
Erano sette in una schiera, e tutte
volto di donne avean, pallide e smorte,
per lunga fame attenuate e asciutte,
orribili a veder più che la morte.
L’alaccie grandi avean, deformi e brutte;
le man rapaci, e l’ugne incurve e torte;
grande e fetido il ventre, e lunga coda,
come di serpe che s’aggira e snoda.

121
Si sentono venir per l’aria, e quasi
si veggon tutte a un tempo in su la mensa
rapire i cibi e riversare i vasi:
e molta feccia il ventre lor dispensa,
tal che gli è forza d’atturare i nasi;
che non si può patir la puzza immensa.
Astolfo, come l’ira lo sospinge,
contra gli ingordi augelli il ferro stringe.

122
Uno sul collo, un altro su la groppa
percuote, e chi nel petto, e chi ne l’ala;
ma come fera in su ‘n sacco di stoppa,
poi langue il colpo, e senza effetto cala:
e quei non vi lasciar piatto né coppa
che fosse intatta, né sgombrar la sala,
prima che le rapine e il fiero pasto
contaminato il tutto avesse e guasto.

123
Avuto avea quel re ferma speranza
nel duca, che l’arpie gli discacciassi;
ed or che nulla ove sperar gli avanza,
sospira e geme, e disperato stassi.
Viene al duca del corno rimembranza,
che suole aitarlo ai perigliosi passi;
e conchiude tra sé, che questa via
per discacciare i mostri ottima sia.

124
E prima fa che ‘l re con suoi baroni
di calda cera l’orecchia si serra,
acciò che tutti, come il corno suoni,
non abbiano a fuggir fuor de la terra.
Prende la briglia, e salta sugli arcioni
de l’ippogrifo, ed il bel corno afferra;
e con cenni allo scalco poi commanda
che riponga la mensa e la vivanda.

125
E così in una loggia s’apparecchia
con altra mensa altra vivanda nuova.
Ecco l’arpie che fan l’usanza vecchia:
Astolfo il corno subito ritrova.
Cli augelli, che non han chiusa l’orecchia,
udito il suon, non puon stare alla prova;
ma vanno in fuga pieni di paura,
né di cibo né d’altro hanno più cura.

126
Subito il paladin dietro lor sprona:
volando esce il destrier fuor de la loggia,
e col castel la gran città abandona,
e per l’aria, cacciando i mostri, poggia.
Astolfo il corno tuttavolta suona:
fuggon l’arpie verso la zona roggia,
tanto che sono all’altissimo monte
ove il Nilo ha, se in alcun luogo ha, fonte.

127
Quasi de la montagna alla radice
entra sotterra una profonda grotta,
che certissima porta esser si dice
di ch’allo ‘nferno vuol scender talotta.
Quivi s’è quella turba predatrice,
come in sicuro albergo, ricondotta,
e giù sin di Cocito in su la proda
scesa, e più là, dove quel suon non oda.

128
All’infernal caliginosa buca
ch’apre la strada a chi abandona il lume,
finì l’orribil suon l’inclito duca,
e fe’ raccorre al suo destrier le piume.
Ma prima che più inanzi io lo conduca,
per non mi dipartir dal mio costume,
poi che da tutti i lati ho pieno il foglio,
finire il canto, e riposar mi voglio.

Comments are closed.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web