Footer menù

Testo del canto 32 (XXXII) del poema Orlando Furioso

80
Quale al cader de le cortine suole
parer fra mille lampade la scena,
d’archi e di più d’una superba mole,
d’oro e di statue e di pitture piena;
o come suol fuor de la nube il sole
scoprir la faccia limpida e serena:
così, l’elmo levandosi dal viso,
mostrò la donna aprisse il paradiso.

81
Già son cresciute e fatte lunghe in modo
le belle chiome che tagliolle il frate,
che dietro al capo ne può fare un nodo,
ben che non sian come son prima state.
Che Bradamante sia, tien fermo e sodo
(che ben l’avea veduta altre fiate)
il signor de la rocca; e più che prima
or l’accarezza e mostra farne stima.

82
Siedono al fuoco, e con giocondo e onesto
ragionamento dan cibo all’orecchia,
mentre, per ricreare ancora il resto
del corpo, altra vivanda s’apparecchia.
La donna all’oste domandò se questo
modo d’albergo è nuova usanza o vecchia,
e quando ebbe principio, e chi la pose;
e ‘l cavalliero a lei così rispose:

83
– Nel tempo che regnava Fieramonte,
Clodione, il figliuolo, ebbe una amica
leggiadra e bella e di maniere conte
quant’altra fosse a quella etade antica;
la quale amava tanto, che la fronte
non rivolgea da lei, più che si dica
che facesse da Ione il suo pastore,
perch’avea ugual la gelosia all’amore.

84
Qui la tenea; che ‘l luogo avuto in dono
avea dal padre, e raro egli n’uscia;
e con lui dieci cavallier ci sono,
e dei miglior di Francia tuttavia.
Qui stando, venne a capitarci il buono
Tristano, ed una donna in compagnia,
liberata da lui poch’ore inante,
che traea presa a forza un fier gigante.

85
Tristano ci arrivò che ‘l sol già volto
avea le spalle ai liti di Siviglia;
e domandò qui dentro esser raccolto,
perché non c’è altra stanza a dieci miglia.
Ma Clodion, che molto amava e molto
era geloso, in somma si consiglia
che forestier, sia chi si voglia, mentre
ci stia la bella donna, qui non entre.

86
Poi che con lunghe ed iterate preci
non poté aver qui albergo il cavalliero:
– Or quel che far con prieghi io non ti feci,
che ‘l facci (disse) tuo mal grado, spero, –
E sfidò Clodion con tutti i dieci
che tenea appresso, e con un grido altiero
se gli offerse con lancia e spada in mano
provar che discortese era e villano;

87
con patto, che se fa che con lo stuolo
suo cada in terra, ed ei stia in sella forte,
ne la rocca alloggiar vuole egli solo,
e vuol gli altri serrar fuor de le porte.
Per non patir quest’onta, va il figliuolo
del re di Francia a rischio de la morte;
ch’aspramente percosso cade in terra,
e cadon gli altri, e Tristan fuor li serra.

88
Entrato ne la rocca, trova quella
la qual v’ho detta a Clodion sì cara,
e ch’avea, a par d’ogn’altra, fatto bella
Natura, a dar bellezze così avara.
Con lei ragiona: intanto arde e martella
di fuor l’amante aspra passione amara;
il qual non differisce a mandar prieghi
al cavallier, che dar non gli la nieghi.

89
Tristano, ancor che lei molto non prezze,
né prezzar, fuor ch’Isotta, altra potrebbe
(ch’altra né ch’ami vuol né ch’accarezze
la pozion che già incantata bebbe),
pur, perché vendicarsi de l’asprezze
che Clodion gli ha usate si vorebbe:
– Di far gran torto mi parria (gli disse)
che tal bellezza del suo albergo uscisse.

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web