Footer menù

Testo del canto 28 (XXVIII) del poema Orlando Furioso

1
Donne, e voi che le donne avete in pregio,
per Dio, non date a questa istoria orecchia,
a questa che l’ostier dire in dispregio
e in vostra infamia e biasmo s’apparecchia;
ben che né macchia vi può dar né fregio
lingua sì vile, e sia l’usanza vecchia
che ‘l volgare ignorante ognun riprenda,
e parli più di quel che meno intenda.

2
Lasciate questo canto, che senza esso
può star l’istoria, e non sarà men chiara.
Mettendolo Turpino, anch’io l’ho messo,
non per malivolenza né per gara.
Ch’io v’ami, oltre mia lingua che l’ha espresso,
che mai non fu di celebrarvi avara,
n’ho fatto mille prove; e v’ho dimostro
ch’io son, né potrei esser se non vostro.

3
Passi, chi vuol, tre carte o quattro, senza
leggerne verso, e chi pur legger vuole,
gli dia quella medesima credenza
che si suol dare a finzioni e a fole.
Ma tornando al dir nostro, poi ch’udienza
apparecchiata vide a sue parole,
e darsi luogo incontra al cavalliero,
così l’istoria incominciò l’ostiero.

4
– Astolfo, re de’ Longobardi, quello
a cui lasciò il fratel monaco il regno,
fu ne la giovinezza sua sì bello,
che mai poch’altri giunsero a quel segno.
N’avria a fatica un tal fatto a penello
Apelle, o Zeusi, o se v’è alcun più degno.
Bello era, ed a ciascun così parea:
ma di molto egli ancor più si tenea.

5
Non stimava egli tanto per l’altezza
del grado suo, d’avere ognun minore;
né tanto, che di genti e di ricchezza,
di tutti i re vicini era il maggiore;
quanto che di presenza e di bellezza
avea per tutto ‘l mondo il primo onore.
Godea di questo, udendosi dar loda,
quanto di cosa volentier più s’oda.

6
Tra gli altri di sua corte avea assai grato
Fausto Latini, un cavallier romano:
con cui sovente essendosi lodato
or del bel viso or de la bella mano,
ed avendolo un giorno domandato
se mai veduto avea, presso o lontano,
altro uom di forma così ben composto;
contra quel che credea, gli fu risposto.

7
– Dico (rispose Fausto) che secondo
ch’io veggo e che parlarne odo a ciascuno,
ne la bellezza hai pochi pari al mondo;
e questi pochi io li restringo in uno.
Quest’uno è un fratel mio, detto Iocondo.
Eccetto lui, ben crederò ch’ognuno
di beltà molto a dietro tu ti lassi;
ma questo sol credo t’adegui e passi. –

8
Al re parve impossibil cosa udire,
che sua la palma infin allora tenne;
e d’aver conoscenza alto desire
di sì lodato giovene gli venne.
Fe’ sì con Fausto, che di far venire
quivi il fratel prometter gli convenne;
ben ch’a poterlo indur che ci venisse,
saria fatica, e la cagion gli disse:

9
che ‘l suo fratello era uom che mosso il piede
mai non avea di Roma alla sua vita,
che del ben che Fortuna gli concede,
tranquilla e senza affanni avea notrita:
la roba di che ‘l padre il lasciò erede,
né mai cresciuta avea né minuita;
e che parrebbe a lui Pavia lontana
più che non parria a un altro ire alla Tana.

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore visite gratis
Segui la nostra pagina Facebook : se orlandofurioso.com ti è piaciuto, condividi l'esperienza!