Footer menù

Testo del canto 25 (XXV) del poema Orlando Furioso

50
Di queste speme Amor ordisce i nodi,
che d’altre fila ordir non li potea,
onde mi piglia: e mostra insieme i modi
che da la donna avrei quel ch’io chiedea.
A succeder saran facil le frodi;
che come spesso altri ingannato avea
la simiglianza c’ho di mia sorella,
forse anco ingannerà questa donzella.

51
Faccio o nol faccio? Al fin mi par che buono
sempre cercar quel che diletti sia.
Del mio pensier con altri non ragiono,
né vo’ ch’in ciò consiglio altri mi dia.
Io vo la notte ove quell’arme sono
che s’avea tratte la sorella mia:
tolgole, e col destrier suo via camino,
né sto aspettar che luca il matutino.

52
Io me ne vo la notte (Amore è duce)
a ritrovar la bella Fiordispina;
e v’arrivai che non era la luce
del sole ascosa ancor ne la marina.
Beato è chi correndo si conduce
prima degli altri a dirlo alla regina,
da lei sperando per l’annunzio buono
acquistar grazia e riportarne dono.

53
Tutti m’aveano tolto così in fallo,
com’hai tu fatto ancor, per Bradamante;
tanto più che le vesti ebbi e ‘l cavallo
con che partita era ella il giorno inante.
Vien Fiordispina di poco intervallo
con feste incontra e con carezze tante,
e con sì allegro viso e sì giocondo,
che più gioia mostrar non potria al mondo.

54
Le belle braccia al collo indi mi getta,
e dolcemente stringe, e bacia in bocca.
Tu puoi pensar s’allora la saetta
dirizzi Amor, s’in mezzo il cor mi tocca.
Per man mi piglia, e in camera con fretta
mi mena; e non ad altri, ch’a lei, tocca
che da l’elmo allo spron l’arme mi slacci
e nessun altro vuol che se n’impacci.

55
Poi fattasi arrecare una sua veste
adorna e ricca, di sua man la spiega,
e come io fossi femina, mi veste,
e in reticella d’oro il crin mi lega.
Io muovo gli occhi con maniere oneste,
né ch’io sia donna alcun mio gesto niega.
La voce ch’accusar mi potea forse,
sì ben usai, ch’alcun non se n’accorse.

56
Uscimmo poi là dove erano molte
persone in sala, e cavallieri e donne,
dai quali fummo con l’onor raccolte,
ch’alle regine fassi e gran madonne.
Quivi d’alcuni mi risi io più volte,
che non sappiendo ciò che sotto gonne
si nascondesse valido e gagliardo,
mi vagheggiavan con lascivo sguardo.

57
Poi che si fece la notte più grande,
e già un pezzo la mensa era levata,
la mensa, che fu d’ottime vivande,
secondo la stagione, apparecchiata;
non aspetta la donna ch’io domande
quel che m’era cagion del venir stata:
ella m’invita per sua cortesia,
che quella notte a giacer seco io stia.

58
Poi che donne e donzelle ormai levate
si furo, e paggi e camerieri intorno,
essendo ambe nel letto dispogliate,
coi torchi accesi che parea di giorno,
io cominciai: – Non vi maravigliate,
madonna, se sì tosto a voi ritorno;
che forse v’andavate imaginando
di non mi riveder fin Dio sa quando.

59
Dirò prima la causa del partire,
poi del ritorno l’udirete ancora.
Se ‘l vostro ardor, madonna, intiepidire
potuto avessi col mio far dimora,
vivere in vostro servizio e morire
voluto avrei, né starne senza un’ora;
ma visto quanto il mio star vi nocessi,
per non poter far meglio, andare elessi.

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web