Footer menù

Testo del canto 23 (XXIII) del poema Orlando Furioso

90
La bestia, ch’era spaventosa e poltra,
sanza guardarsi ai piè, corre a traverso.
Già corso avea tre miglia, e seguiva oltra,
s’un fosso a quel desir non era avverso;
che, sanza aver nel fondo o letto o coltra,
riceve l’uno e l’altro in sé riverso.
Diè Mandricardo in terra aspra percossa;
né però si fiaccò né si roppe ossa.

91
Quivi si ferma il corridore al fine,
ma non si può guidar, che non ha freno.
Il Tartaro lo tien preso nel crine,
e tutto è di furore e d’ira pieno.
Pensa, e non sa quel che di far destine.
– Pongli la briglia del mio palafreno
(la donna gli dicea); che non è molto
il mio feroce, o sia col freno o sciolto. –

92
Al Saracin parea discortesia
la proferta accettar di Doralice;
ma fren gli farà aver per altra via
Fortuna a’ suoi disii molto fautrice.
Quivi Gabrina scelerata invia,
che, poi che di Zerbin fu traditrice,
fuggia, come la lupa che lontani
oda venire i cacciatori e i cani.

93
Ella avea ancora indosso la gonnella,
e quei medesimi giovenili ornati
che furo alla vezzosa damigella
di Pinabel, per lei vestir, levati;
ed avea il palafreno anco di quella,
dei buon del mondo e degli avantaggiati.
La vecchia sopra il Tartaro trovosse,
ch’ancor non s’era accorta che vi fosse.

94
L’abito giovenil mosse la figlia
di Stordilano, e Mandricardo a riso,
vedendolo a colei che rassimiglia
a un babuino, a un bertuccione in viso.
Disegna il Saracin torle la briglia
pel suo destriero, e riuscì l’aviso.
Toltogli il morso, il palafren minaccia,
gli grida, lo spaventa, e in fuga il caccia.

95
Quel fugge per la selva, e seco porta
la quasi morta vecchia di paura
per valli e monti e per via dritta e torta,
per fossi e per pendici alla ventura.
Ma il parlar di costei sì non m’importa,
ch’io non debba d’Orlando aver più cura,
ch’alla sua sella ciò ch’era di guasto,
tutto ben racconciò sanza contrasto.

96
Rimontò sul destriero, e ste’ gran pezzo
a riguardar che ‘l Saracin tornasse.
Nol vedendo apparir, volse da sezzo
egli esser quel ch’a ritrovarlo andasse;
ma, come costumato e bene avezzo,
non prima il paladin quindi si trasse,
che con dolce parlar grato e cortese
buona licenza dagli amanti prese.

97
Zerbin di quel partir molto si dolse;
di tenerezza ne piangea Issabella:
voleano ir seco, ma il conte non volse
lor compagnia, ben ch’era e buona e bella;
e con questa ragion se ne disciolse,
ch’a guerrier non è infamia sopra quella
che, quando cerchi un suo nimico, prenda
compagno che l’aiuti e che ‘l difenda.

98
Li pregò poi, che quando il Saracino,
prima ch’in lui, si riscontrasse in loro,
gli dicesser ch’Orlando avria vicino
ancor tre giorni per quel tenitoro;
ma dopo, che sarebbe il suo camino
verso le ‘nsegne dei bei gigli d’oro,
per esser con l’esercito di Carlo,
acciò, volendol, sappia onde chiamarlo.

99
Quelli promiser farlo volentieri,
e questa e ogn’altra cosa al suo comando.
Feron camin diverso i cavallieri,
di qua Zerbino, e di là il conte Orlando.
Prima che pigli il conte altri sentieri,
all’arbor tolse, e a sé ripose il brando;
e dove meglio col pagan pensosse
di potersi incontrare, il destrier mosse.

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web