Footer menù

Testo del canto 22 (XXII) del poema Orlando Furioso

30
Stava mirando se vedea venire
pel bosco o cacciatore o alcun villano,
da cui far si potesse indi seguire
a qualche terra, e trarvi Rabicano.
Tutto quel giorno e sin all’apparire
de l’altro stette riguardando invano.
L’altro matin, ch’era ancor l’aer fosco,
veder gli parve un cavallier pel bosco.

31
Ma mi bisogna, s’io vo’ dirvi il resto,
ch’io trovi Ruggier prima e Bradamante.
Poi che si tacque il corno, e che da questo
loco la bella coppia fu distante,
guardò Ruggiero, e fu a conoscer presto
quel che fin qui gli avea nascoso Atlante:
fatto avea Atlante che fin a quell’ora
tra lor non s’eran conosciuti ancora.

32
Ruggier riguarda Bradamante, ed ella
riguarda lui con alta maraviglia,
che tanti dì l’abbia offuscato quella
illusion sì l’animo e le ciglia.
Ruggiero abbraccia la sua donna bella,
che più che rosa ne divien vermiglia;
e poi di su la bocca i primi fiori
cogliendo vien dei suoi beati amori.

33
Tornaro ad iterar gli abbracciamenti
mille fiate, ed a tenersi stretti
i duo felici amanti, e sì contenti,
ch’a pena i gaudi lor capiano i petti.
Molto lor duol che per incantamenti,
mentre che fur negli errabondi tetti,
tra lor non s’eran mai riconosciuti,
e tanti lieti giorni eran perduti.

34
Bradamante, disposta di far tutti
i piaceri che far vergine saggia
debbia ad un suo amator, sì che di lutti,
senza il suo onore offendere, il sottraggia;
dice a Ruggier, se a dar gli ultimi frutti
lei non vuol sempre aver dura e selvaggia,
la faccia domandar per buoni mezzi
al padre Amon: ma prima si battezzi.

35
Ruggier, che tolto avria non solamente
viver cristiano per amor di questa,
com’era stato il padre, e antiquamente
l’avolo e tutta la sua stirpe onesta;
ma, per farle piacere, immantinente
data le avria la vita che gli resta:
– Non che ne l’acqua (disse), ma nel fuoco
per tuo amor porre il capo mi fia poco. –

36
Per battezzarsi dunque, indi per sposa
la donna aver, Ruggier si messe in via,
guidando Bradamante a Vallombrosa
(così fu nominata una badia
ricca e bella, né men religiosa,
e cortese a chiunque vi venìa);
e trovaro all’uscir de la foresta
donna che molto era nel viso mesta.

37
Ruggier, che sempre uman, sempre cortese
era a ciascun, ma più alle donne molto,
come le belle lacrime comprese
cader rigando il delicato volto,
n’ebbe pietade, e di disir s’accese
di saper il suo affanno; ed a lei volto,
dopo onesto saluto, domandolle
perch’avea sì di pianto il viso molle.

38
Ed ella, alzando i begli umidi rai,
umanissimamente gli rispose,
e la cagion de’ suoi penosi guai,
poi che le domandò, tutta gli espose.
– Gentil signor (disse ella), intenderai
che queste guance son sì lacrimose
per la pietà ch’a un giovinetto porto,
ch’in un castel qui presso oggi fia morto.

39
Amando una gentil giovane e bella,
che di Marsilio re di Spagna è figlia,
sotto un vel bianco e in feminil gonella,
finta la voce e il volger de le ciglia,
egli ogni notte si giacea con quella,
senza darne sospetto alla famiglia:
ma sì secreto alcuno esser non puote,
ch’al lungo andar non sia chi ‘l vegga e note.

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web