Footer menù

Testo del canto 20 (XX) del poema Orlando Furioso

60
Appresso a duamila anni il costume empio
si è mantenuto, e si mantiene ancora;
e sono pochi giorni che nel tempio
uno infelice peregrin non mora.
Se contra dieci alcun chiede, ad esempio
d’Elbanio, armarsi (che ve n’è talora),
spesso la vita al primo assalto lassa;
né di mille uno all’altra prova passa.

61
Pur ci passano alcuni, ma sì rari,
che su le dita annoverar si ponno.
Uno di questi fu Argilon: ma guari
con la decina sua non fu qui donno;
che cacciandomi qui venti contrari,
gli occhi gli chiusi in sempiterno sonno.
Così fossi io con lui morto quel giorno,
prima che viver servo in tanto scorno.

62
che piaceri amorosi e riso e gioco,
che suole amar ciascun de la mia etade,
le purpure e le gemme e l’aver loco
inanzi agli altri ne la sua cittade,
potuto hanno, per Dio, mai giovar poco
all’uom che privo sia di libertade:
e ‘l non poter mai più di qui levarmi,
servitù grave e intolerabil parmi.

63
Il vedermi lograr dei miglior anni
il più bel fiore in sì vile opra e molle,
tiemmi il cor sempre in stimulo e in affanni,
ed ogni gusto di piacer mi tolle.
La fama del mio sangue spiega i vanni
per tutto ‘l mondo, e fin al ciel s’estolle;
che forse buona parte anch’io n’avrei,
s’esser potessi coi fratelli miei.

64
Parmi ch’ingiuria il mio destin mi faccia,
avendomi a sì vil servigio eletto;
come chi ne l’armento il destrier caccia,
il qual d’occhi o di piedi abbia difetto,
o per altro accidente che dispiaccia,
sia fatto all’arme e a miglior uso inetto:
né sperando io, se non per morte, uscire
di sì vil servitù, bramo morire. –

65
Guidon qui fine alle parole pose,
e maledì quel giorno per isdegno,
il qual dei cavallieri e de le spose
gli diè vittoria in acquistar quel regno.
Astolfo stette a udire, e si nascose
tanto, che si fe’ certo a più d’un segno,
che, come detto avea, questo Guidone
era figliol del suo parente Amone.

66
Poi gli rispose: – Io sono il duca inglese,
il tuo cugino Astolfo; – ed abbracciollo,
e con atto amorevole e cortese,
non senza sparger lagrime, baciollo.
– Caro parente mio, non più palese
tua madre ti potea por segno al collo;
ch’a farne fede che tu sei de’ nostri,
basta il valor che con la spada mostri. –

67
Guidon, ch’altrove avria fatto gran festa
d’aver trovato un sì stretto parente,
quivi l’accolse con la faccia mesta,
perché fu di vedervilo dolente.
Se vive, sa ch’Astolfo schiavo resta,
né il termine è più là che ‘l dì seguente;
se fia libero Astolfo, ne more esso:
sì che ‘l ben d’uno è il mal de l’altro espresso.

68
Gli duol che gli altri cavallieri ancora
abbia, vincendo, a far sempre captivi;
né più, quando esso in quel contrasto mora,
potrà giovar che servitù lor schivi:
che se d’un fango ben gli porta fuora,
e poi s’inciampi come all’altro arrivi,
avrà lui senza pro vinto Marfisa;
ch’essi pur ne fien schiavi, ed ella uccisa.

69
Da l’altro canto avea l’acerba etade,
la cortesia e il valor del giovinetto
d’amore intenerito e di pietade
tanto a Marfisa ed ai compagni il petto,
che, con morte di lui lor libertade
esser dovendo, avean quasi a dispetto:
e se Marfisa non può far con manco
ch’uccider lui, vuol essa morir anco.

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web