Footer menù

Testo del canto 20 (XX) del poema Orlando Furioso

50
– La principal cagion ch’a far disegno
sul comercio degli uomini ci mosse,
non fu perch’a difender questo regno
del loro aiuto alcun bisogno fosse;
che per far questo abbiamo ardire e ingegno
da noi medesme, e a sufficienza posse:
così senza sapessimo far anco,
che non venisse il propagarci a manco!

51
Ma poi che senza lor questo non lece,
tolti abbiàn, ma non tanti, in compagnia,
che mai ne sia più d’uno incontra diece,
sì ch’aver di noi possa signoria.
Per conciper di lor questo si fece,
non che di lor difesa uopo ci sia.
La lor prodezza sol ne vaglia in questo,
e sieno ignavi e inutili nel resto.

52
Tra noi tenere un uom che sia sì forte,
contrario è in tutto al principal disegno.
Se può un solo a dieci uomini dar morte,
quante donne farà stare egli al segno?
Se i dieci nostri fosser di tal sorte,
il primo dì n’avrebbon tolto il regno.
Non è la via di dominar, se vuoi
por l’arme in mano a chi può più di noi.

53
Pon mente ancor, che quando così aiti
Fortuna questo tuo, che i dieci uccida,
di cento donne che de’ lor mariti
rimarran prive, sentirai le grida.
Se vuol campar, proponga altri partiti,
ch’esser di dieci gioveni omicida.
Pur, se per far con cento donne è buono
quel che dieci fariano, abbi perdono. –

54
Fu d’Artemia crudel questo il parere
(così avea nome), e non mancò per lei
di far nel tempio Elbanio rimanere
scannato inanzi agli spietati dèi.
Ma la madre Orontea che compiacere
volse alla figlia, replicò a colei
altre ed altre ragioni, e modo tenne
che nel senato il suo parer s’ottenne.

55
L’aver Elbanio di bellezza il vanto
sopra ogni cavallier che fosse al mondo,
fu nei cor de le giovani di tanto,
ch’erano in quel consiglio, e di tal pondo,
che ‘l parer de le vecchie andò da canto,
che con Artemia volean far secondo
l’ordine antiquo; né lontan fu molto
ad esser per favore Elbanio assolto.

56
Di perdonargli in somma fu concluso,
ma poi che la decina avesse spento,
e che ne l’altro assalto fosse ad uso
di diece donne buono, e non di cento.
Di carcer l’altro giorno fu dischiuso;
e avuto arme e cavallo a suo talento,
contra dieci guerrier, solo, si mise,
e l’uno appresso all’altro in piazza uccise.

57
Fu la notte seguente a prova messo
contra diece donzelle ignudo e solo,
dove ebbe all’ardir suo sì buon successo,
che fece il saggio di tutto lo stuolo.
E questo gli acquistò tal grazia appresso
ad Orontea, che l’ebbe per figliuolo;
e gli diede Alessandra e l’altre nove
con ch’avea fatto le notturne prove.

58
E lo lasciò con Alessandra bella,
che poi diè nome a questa terra, erede,
con patto, ch’a servare egli abbia quella
legge, ed ogn’altro che da lui succede:
che ciascun che già mai sua fiera stella
farà qui por lo sventurato piede,
elegger possa, o in sacrificio darsi,
o con dieci guerrier, solo, provarsi.

59
E se gli avvien che ‘l dì gli uomini uccida,
la notte con le femine si provi;
e quando in questo ancor tanto gli arrida
la sorte sua, che vincitor si trovi,
sia del femineo stuol principe e guida,
e la decina a scelta sua rinovi,
con la qual regni, fin ch’un altro arrivi,
che sia più forte, e lui di vita privi.

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web