Footer menù

Testo del canto 20 (XX) del poema Orlando Furioso

20
Questa lor fu per dieci giorni stanza
di piaceri amorosi tutta piena.
Ma come spesso avvien, che l’abondanza
seco in cor giovenil fastidio mena,
tutti d’accordo fur di restar sanza
femine, e liberarsi di tal pena;
che non è soma da portar sì grave,
come aver donna, quando a noia s’have.

21
Essi che di guadagno e di rapine
eran bramosi, e di dispendio parchi,
vider ch’a pascer tante concubine,
d’altro che d’aste avean bisogno e d’archi:
sì che sole lasciar qui le meschine,
e se n’andar di lor ricchezze carchi
là dove in Puglia in ripa al mar poi sento
ch’edificar la terra di Tarento.

22
Le donne, che si videro tradite
dai loro amanti in che più fede aveano,
restar per alcun dì sì sbigottite,
che statue immote in lito al mar pareano.
Visto poi che da gridi e da infinite
lacrime alcun profitto non traeano,
a pensar cominciaro e ad aver cura
come aiutarsi in tanta lor sciagura.

23
E proponendo in mezzo i lor pareri,
altre diceano: in Creta è da tornarsi;
e più tosto all’arbitrio de’ severi
padri e d’offesi lor mariti darsi,
che nei deserti liti e boschi fieri,
di disagio e di fame consumarsi.
Altre dicean che lor saria più onesto
affogarsi nel mar, che mai far questo;

24
e che manco mal era meretrici
andar pel mondo, andar mendiche o schiave,
che se stesse offerire agli supplici
di ch’eran degne l’opere lor prave.
Questi e simil partiti le infelici
si proponean, ciascun più duro e grave.
Tra loro al fine una Orontea levosse,
ch’origine traea dal re Minosse;

25
la più gioven de l’artre e la più bella
e la più accorta, e ch’avea meno errato:
amato avea Falanto, e a lui pulzella
datasi, e per lui il padre avea lasciato.
Costei mostrando in viso ed in favella
il magnanimo cor d’ira infiammato,
redarguendo di tutte altre il detto,
suo parer disse, e fe’ seguirne effetto.

26
Di questa terra a lei non parve torsi,
che conobbe feconda e d’aria sana,
e di limpidi fiumi aver discorsi,
di selve opaca, e la più parte piana;
con porti e foci, ove dal mar ricorsi
per ria fortuna avea la gente estrana,
ch’or d’Africa portava, ora d’Egitto
cose diverse e necessarie al vitto.

27
Qui parve a lei fermarsi, e far vendetta
del viril sesso che le avea sì offese:
vuol ch’ogni nave, che da venti astretta
a pigliar venga porto in suo paese,
a sacco, a sangue, a fuoco al fin si metta;
né de la vita a un sol si sia cortese.
Così fu detto e così fu concluso,
e fu fatta la legge e messa in uso.

28
Come turbar l’aria sentiano, armate
le femine correan su la marina,
da l’implacabile Orontea guidate,
che diè lor legge e si fe’ lor regina:
e de le navi ai liti lor cacciate
faceano incendi orribili e rapina,
uom non lasciando vivo, che novella
dar ne potesse o in questa parte o in quella.

29
Così solinghe vissero qualch’anno
aspre nimiche del sesso virile:
ma conobbero poi, che ‘l proprio danno
procaccierian, se non mutavan stile;
che se di lor propagine non fanno,
sarà lor legge in breve irrita e vile,
e mancherà con l’infecondo regno,
dove di farla eterna era il disegno.

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web