Footer menù

Testo del canto 18 (XVIII) del poema Orlando Furioso

40
Il re Agramante in questo mezzo in sella,
mal grado dei cristian, rimesso s’era;
e con l’inamorato d’Isabella
facea battaglia perigliosa e fiera:
col re Sobrin Lurcanio si martella:
Rinaldo incontra avea tutta una schiera;
e con virtude e con fortuna molta
l’urta, l’apre, ruina e mette in volta.

41
Essendo la battaglia in questo stato,
l’imperatore assalse il retroguardo
dal canto ove Marsilio avea fermato
il fior di Spagna intorno al suo stendardo.
Con fanti in mezzo e cavallieri allato,
re Carlo spinse il suo popul gagliardo
con tal rumor di timpani e di trombe,
che tutto ‘l mondo par che ne rimbombe.

42
Cominciavan le schiere a ritirarse
de’ Saracini, e si sarebbon volte
tutte a fuggir, spezzate, rotte e sparse,
per mai più non potere esser raccolte;
ma ‘l re Grandonio e Falsiron comparse,
che stati in maggior briga eran più volte,
e Balugante e Serpentin feroce,
e Ferraù che lor dicea a gran voce:

43
– Ah (dicea) valentuomini, ah compagni,
ah fratelli, tenete il luogo vostro.
I nimici faranno opra di ragni,
se non manchiamo noi del dover nostro.
Guardate l’alto onor, gli ampli guadagni
che Fortuna, vincendo, oggi ci ha mostro:
guardate la vergogna e il danno estremo,
ch’essendo vinti, a patir sempre avremo. –

44
Tolto in quel tempo una gran lancia avea,
e contra Berlingier venne di botto,
che sopra Largaliffa combattea,
e l’elmo ne la fronte gli avea rotto:
gittollo in terra, e con la spada rea
appresso a lui ne fe’ cader forse otto.
Per ogni botta almanco, che disserra,
cader fa sempre un cavalliero in terra.

45
In altra parte ucciso avea Rinaldo
tanti pagan, ch’io non potrei contarli.
Dinanzi a lui non stava ordine saldo:
vedreste piazza in tutto ‘l campo darli.
Non men Zerbin, non men Lurcanio è caldo:
per modo fan, ch’ognun sempre ne parli:
questo di punta avea Balastro ucciso,
e quello a Finadur l’elmo diviso.

46
L’esercito d’Alzerbe avea il primiero,
che poco inanzi aver solea Tardocco;
l’altro tenea sopra le squadre impero
di Zamor e di Saffi e di Marocco.
– Non è tra gli Africani un cavalliero
che di lancia ferir sappia o di stocco? –
mi si potrebbe dir: ma passo passo
nessun di gloria degno a dietro lasso.

47
Del re de la Zumara non si scorda
il nobil Dardinel figlio d’Almonte,
che con la lancia Uberto da Mirforda,
Claudio dal Bosco, Elio e Dulfin dal Monte,
e con la spada Anselmo da Stanforda,
e da Londra Raimondo e Pinamonte
getta per terra (ed erano pur forti),
dui storditi, un piagato, e quattro morti.

48
Ma con tutto ‘l valor che di sé mostra,
non può tener sì ferma la sua gente,
sì ferma, ch’aspettar voglia la nostra
di numero minor, ma più valente.
Ha più ragion di spada e più di giostra
e d’ogni cosa a guerra appertinente.
Fugge la gente maura, di Zumara,
di Setta, di Marocco e di Canara.

49
Ma più degli altri fuggon quei d’Alzerbe,
a cui s’oppose il nobil giovinetto;
ed or con prieghi, or con parole acerbe
ripor lor cerca l’animo nel petto.
– S’Almonte meritò ch’in voi si serbe
di lui memoria, or ne vedrò l’effetto:
io vedrò (dicea lor) se me, suo figlio,
lasciar vorrete in così gran periglio.

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web
Segui la nostra pagina Facebook : se orlandofurioso.com ti è piaciuto, condividi l'esperienza!