Footer menù

Testo del canto 18 (XVIII) del poema Orlando Furioso

Parafrasi del canto XVIII del poema Orlando Furioso

1
Magnanimo Signore, ogni vostro atto
ho sempre con ragion laudato e laudo:
ben che col rozzo stil duro e mal atto
gran parte de la gloria vi defraudo.
Ma più de l’altre una virtù m’ha tratto,
a cui col core e con la lingua applaudo;
che s’ognun truova in voi ben grata udienza,
non vi truova però facil credenza.

2
Spesso in difesa deI biasmato assente
indur vi sento una ed un’altra scusa,
o riserbargli almen, fin che presente
sua causa dica, l’altra orecchia chiusa;
e sempre, prima che dannar la gente,
vederla in faccia, e udir la ragion ch’usa;
differir anco e giorni e mesi ed anni,
prima che giudicar negli altrui danni.

3
Se Norandino il simil fatto avesse,
fatto a Grifon non avria quel che fece.
A voi utile e onor sempre successe:
denigrò sua fama egli più che pece.
Per lui sue genti a morte furon messe;
che fe’ Grifone in dieci tagli, e in diece
punte che trasse pien d’ira e bizzarro,
che trenta ne cascaro appresso al carro.

4
Van gli altri in rotta ove il timor li caccia,
chi qua chi là, pei campi e per le strade;
e chi d’entrar ne la città procaccia,
e l’un su l’altro ne la porta cade.
Grifon non fa parole e non minaccia;
ma lasciando lontana ogni pietade,
mena tra il vulgo inerte il ferro intorno,
e gran vendetta fa d’ogni suo scorno.

5
Di quei che primi giunsero alla porta,
che le piante a levarsi ebbeno pronte,
parte, al bisogno suo molto più accorta
che degli amici, alzò subito il ponte;
piangendo parte, o con la faccia smorta
fuggendo andò senza mai volger fronte,
e ne la terra per tutte le bande
levò grido e tumulto e rumor grande.

6
Grifon gagliardo duo ne piglia in quella
che ‘l ponte si levò per lor sciagura.
Sparge de l’uno al campo le cervella;
che lo percuote ad una cote dura:
prende l’altro nel petto, e l’arrandella
in mezzo alla città sopra le mura.
Scorse per l’ossa ai terrazzani il gelo,
quando vider colui venir dal cielo.

7
Fur molti che temer che ‘l fier Grifone
sopra le mura avesse preso un salto.
Non vi sarebbe più confusione,
s’a Damasco il soldan desse l’assalto.
Un muover d’arme, un correr di persone,
e di talacimanni un gridar d’alto,
e di tamburi un suon misto e di trombe
il mondo assorda, e ‘l ciel par ne rimbombe.

8
Ma voglio a un’altra volta differire
a ricontar ciò che di questo avenne.
Del buon re Carlo mi convien seguire,
che contra Rodomonte in fretta venne,
il qual le genti gli facea morire.
Io vi dissi ch’al re compagnia tenne
il gran Danese e Namo ed Oliviero
e Avino e Avolio e Otone e Berlingiero.

9
Otto scontri di lance, che da forza
di tali otto guerrier cacciati foro,
sostenne a un tempo la scagliosa scorza
di ch’avea armato il petto il crudo Moro.
Come legno si drizza, poi che l’orza
lenta il nochier che crescer sente il Coro,
così presto rizzossi Rodomonte
dai colpi che gittar doveano un monte.

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore visite gratis
Segui la nostra pagina Facebook : se orlandofurioso.com ti è piaciuto, condividi l'esperienza!